gynostemma-pentaphyllum1
GYNOSTEMMA-PENTAPHYLLUM-2
 
 

GYNOSTEMMA PENTAPHYLLUM (PIANTA DELL’IMMORTALITA’) [Vaso 1,5 litri]

15,00 

Vedi Descrizione

Solo 1 pezzi disponibili

Qta

La pianta di Gynostemma Pentaphyllum è una erbacea perenne originaria del Giappone e delle montagne Cinesi. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa delle zucche e dei cetrioli ma ha anche tantissime altre sottospecie. La Gynostemma Pentaphyllum è conosciuta anche col nome di Ginpent, Jiaogulan, “Makino” o pianta dell’Immortalità e ha innumerevoli proprietà terapeutiche conosciute fin dall’antichità infatti nei testi di medicina cinese, viene classificata come una pianta dagli effetti miracolosi e si usava già nel 1330 A.C. Le radici della pianta sono rampicanti e le foglie si presentano con il colore verdognolo a volte tendente al giallo mentre il fusto è di colore bianco. Per quanto riguarda la raccolta e l’essiccazione, le foglie vanno necessariamente raccolte da giugno ad agosto, mesi in cui le proprietà della pianta, risultano essere più attive. Da molti lati la Gynostemma Pentaphyllum assomiglia al Ginseng perché migliora l’organismo donandogli una nuova energia e agisce sugli effetti stressanti della vita ma al contrario del Ginseng, ha un effetto molto più calmante. Le saponine triterpeniche di cui le foglie di questa pianta è piena, fanno si che essa abbia l’effetto del ginseng ma triplicato. Non tutte le persone che fanno uso dei derivati di questa pianta, hanno gli stessi effetti infatti si alleviano diversi malesseri e non tutti gli individui, rispondono allo stesso modo. Tuttavia sembra che le foglie della pianta sotto forma di infuso o decotto, agiscano in diverse parti dell’organismo e leniscono il dolore, dove serve. Se una persona per esempio, usa il decotto di foglie di Gynostemma Pentaphyllum perché ha mal di testa, il dolore si calmerà ma nello stesso tempo, si leniranno anche dolori come quelli reumatici o si abbasserà il colesterolo se la persona ne è sofferente. Lo studio su questi fenomeni così strani, è in atto ed è ancora tutto da scoprire certo è, che questa pianta, man mano che viene studiata dalla scienza fitoterapica, fa stupire sempre di più. Le parti utilizzate sono le foglie fresche adulte, mangiate con le insalate (sono sufficienti 2 foglie circa per persona al giorno), il sapore di clorofilla è abbastanza gradevole. 

Tra le principali azioni riscontrate:

  • Antitumorale
  • Azione immunoprotettiva
  • Proprietà antiossidante
  • Proprietà antinfiammatoria

TISANA: portare ad ebollizione la quantità di acqua pari ad una tazza di tè, spegnere ed aggiungere le foglie essiccate (si consiglia di non superare le 3/4 foglie al giorno), lasciare in infusione per 10/15 minuti tenendo coperto, filtrare e bere sempre calda, 2/3 tazze al giorno lontano dai pasti. Se invece vogliamo un effetto energizzante per gare sportive, si può arrivare anche a 10 foglie mezz’ora prima della gara. Non superare la dose consigliata e non somministrare in caso di gravidanza o allattamento.

Vaso 1,5 litri

Peso 2 kg