Scopriamo una pianta strabiliante: Acacia sensitiva!

Tra le piante curiose e particolari troviamo l’Acacia sensitiva (nome scientifico Mimosa pudica L.) è un arbusto sempreverde di piccole dimensioni appartenente alla famiglia delle Fabaceae, originaria dell’America Meridionale, in particolare dal Brasile.

 È possibile coltivarla anche nelle zone dove il clima è temperato ma preferibilmente in vaso, dove non supera i 50 cm di altezza, per facilitare il suo spostamento all’interno dell’abitazione durante i mesi invernali.

Il suo nome deriva dalla curiosa sensibilità e capacità delle sue foglie di rispondere agli stimoli esterni (scosse, ferite, scottature) con un atto di difesa. Infatti per proteggersi da un possibile attacco, il fogliame si richiude su sé stesso trasmettendo il movimento all’intero rametto. Per questo motivo questa pianta può essere utilizzata per spiegare ai bambini che le piante sono esseri viventi, per l’evidente e immediato movimento della stessa.

Anche durante le ore notturne le foglie si richiudono e si riaprono solo con la luce del sole.

Foglie Mimosa Pudica

Le foglie, ricordano le felci, dal colore verde chiaro, sono composite e formate da 10 a 26 foglioline ovali per parte.

I fiori tondeggianti, con un diametro da 1 a 1,5 cm, sono simili a piccoli pompon, di colore dal rosa al porpora. La fioritura si colloca nel periodo tra Luglio e Settembre.

Il frutto è un piccolo baccello che contiene un solo seme ovale di color marrone.

Nelle zone tropicali può diventare una pianta infestante, come in Australia dove è combattuta attivamente.

 Attenzione tutte le parti della pianta sono tossiche se ingerite!!

La giusta temperatura

L’esemplare, essendo una pianta tropicale, ha un’escursione termica ideale tra i 20° e i 25°.

Assicurati che la temperatura non scenda sotto i 15° per periodi prolungati.

 La luminosità ideale

Poni l’acacia sensitiva in un luogo luminoso ma non a contatto diretto coi raggi solari.

Annaffiatura ed umidità

Nel periodo di fioritura, da Luglio a Settembre, l’Acacia va bagnata con regolarità, per mantenere il terriccio sempre umido, fai attenzione a non creare ristagni!!

Durante i mesi restanti è consigliabile diminuire l’annaffiatura.

 .Il terreno

Il terreno ideale per la sua coltivazione è soffice e ben drenante, con della pomice o della sabbia, torba e terriccio universale, anche se, essendo una pianta ornamentale, si adatta anche ad altre tipologie di terreno più povero. Puoi utilizzare questo terriccio.

La concimazione

La concimazione non è suggerita se il terreno è drenante ma puoi comunque somministrare un concime ricco di potassio nella stagione primaverile.

Il rinvaso

È consigliato rinvasare la pianta ogni 2 anni.

L’acacia si moltiplica per seme ed è molto rapida! Fai attenzione alle nuove piantine che in primavera hanno bisogno di essere trasferite in nuovi vasi.

I parassiti e le malattie

L’acacia sensitiva può essere attaccata da afidi e cocciniglie che devi eliminare con appositi prodotti fitosanitari.

Può anche soffrire di marciume radicale, generalmente causato da funghi, per ristagni d’acqua, pericoloso perché se non affrontato in tempo può portare alla morte dell’intera pianta. Intervieni con un prodotto specifico.

Potatura

Curati di togliere le parti secche ed in cattivo stato.

                                 Puoi acquistare la tua Acacia sensitiva sul nostro negozio online!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *