Gli zucchini coltivati in casa hanno un gusto gradevolissimo, ma c’è dire una cosa in più: grazie ai fiori giallo vivo e ai lucidi frutti sono elementi davvero decorativi.

Coltivare da sè la verdura è davvero un passatempo gratificante, ed oltretutto il prodotto finale ha un gusto di gran lunga superiore a qualsiasi equivalente venduto al supermercato.
Per coltivare le verdure non occorre moltissimo spazio; molti tipi di ortaggi, come appunto gli zucchini, si prestano a essere coltivati in vaso sul terrazzo.
Lo zucchino in particolare, oltre che per i suoi frutti è apprezzato anche a livello estetico per le foglie larghe ed i vivaci fiori gialli.

Esistono numerose varietà di zucchino – ad esempio Gold Rush, Ambassador, Burpee Golden – ed i colori vanno dal verde scuro, omogeneo con screziature, al giallo vivace.
Gli esemplari gialli sono particolarmente decorativi sulla pianta ed in cucina si possono impiegare per vivacizzare un fritto di verdure o una specialità preparata in casseruola (saporitissima la ratatouille!) o semplicemente per servire un contorno più colorato.

Se intendi coltivare gli zucchini dai semi dovrai anticiparne la coltura e seminare nel mese di marzo al coperto. Le piantine si svilupperanno al caldo e produrranno precocemente i frutti.
Dopo la germinazione per stimolare una crescita vigorosa le piantine vanno sistemate in un luogo luminoso.
Le piante impiegano circa 6 settimane per formare le prime vere foglie, dopodiché vanno trapiantate all’esterno nel contenitore, ma solo dopo che il pericolo del gelo è passato.
Gli zucchini hanno bisogno di un recipiente grande, riempito con terriccio permeabile e collocato in una posizione calda e soleggiata.
Le piante vanno bagnate abbondantemente e gli apici vegetativi cimati quando ogni pianta ha formato circa 5 foglie, in modo che queste in seguito crescano folte e compatte.

Ad un certo punto le piante inizieranno a produrre fiori (quelli femminili hanno nella parte posteriore un ingrossamento dal quale avrà poi origine lo zucchino).
Affinché fruttifichino è necessaria l’impollinazione da parte degli insetti. Se la fioritura avviene all’inizio della stagione o nel caso il tempo fosse brutto è possibile che non vi siano insetti in giro. In questo caso è necessario impollinare manualmente: cogli il fiore maschile, stacca i petali e premi gli stami nel centro di tutti i fiori femminili già completamente aperti.

nel caso degli zucchini, ormai è tardi per coltivare dai semi, ma puoi sempre acquistare le piantine in vivaio. Se ti sbrighi fino a settembre sarai in tempo per raccogliere qualche soddisfazione 😉

In ogni caso, quando i frutti iniziano ad ingrossarsi concima ogni due settimane (l’ideale è un fertilizzante per pomodori).
Asporta i frutti con un coltello, ma non prima che siano lunghi almeno 10-15 cm e… per prolungare il raccolto raccoglili regolarmente!

Buona ratatouille!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *