Conosciamo il crisantemo

Si avvicina il mese di novembre e con esso il Giorno dei Morti.
La pianta spesso associata a questa festività è il crisantemo: conosciamola meglio!

Il crisantemo (Chrysanthemum morifolium) è una classica pianta ornamentale piuttosto diffusa, adatta per le aiuole e la coltivazione in vaso, all’aperto o nelle serre e negli appartamenti.
Nonostante venga associato ad una ricorrenza di lutto, è un esemplare vivace ed allegro, disponibile tutto l’anno ed in particolare nei mesi invernali.

In giardino i crisantemi fioriscono in autunno e raggiungono un’altezza di circa 90 cm. I fiori presentano una corolla fitta di petali e sono disponibili in una vasta gamma di colori. La fioritura, che dura quasi due mesi, garantisce dai 3 ai 5 raccolti per vaso.
Dopo di essa la pianta normalmente viene scartata; questo è davvero un peccato, perché è sufficiente trapiantarla in giardino per avere fioriture stagione dopo stagione.

Ecco di seguito alcuni consigli per curarla al meglio!

 

La giusta temperatura

L’esemplare va tenuto in un ambiente fresco: l’escursione termica ideale oscilla tra 10° e 16°C.

 

La luminosità ideale

Il crisantemo ha bisogno di molta luce: quella di una camera orientata a nord è ottimale. Inoltre, in una stanza del genere anche la temperatura si adatta benissimo alle esigenze della pianta.

 

Annaffiatura ed umidità

Nel periodo della fioritura il crisantemo va bagnato abbondantemente, in modo che il terriccio sia sempre umido. Ovviamente devi però fare attenzione a non eccedere!
Un consiglio valido, soprattutto se non è possibile mantenere la temperatura ottimale, è quello di mettere il vaso su dei ciottoli che trattengano l’acqua.

 

La concimazione

Il Chrysanthemum morifolium è una pianta da vaso decidua: nel periodo della fioritura non è quindi consigliabile concimarlo con dei fertilizzanti.

 

Il rinvaso

Raramente è necessario rinvasare la pianta. Se lo ritieni necessario comunque il consiglio è quello di trapiantare l’esemplare in giardino, perché si tratta di una pianta che a lungo andare in vaso necessita di trattamenti specifici che solo i floricoltori professionisti sanno garantire.

 

I parassiti e le malattie

Questa varietà di crisantemo è spesso soggetta a funghi: se la temperatura è troppo bassa o l’ambiente è troppo umido può insorgere la botrite. In questo caso, se la pianta non è già troppo rovinata, rimuovi le parti intaccate e modifica le condizioni ambientali.

Compra delle piante che presentino già un po’ di colore nei boccioli: quando sono sottoposti a variazioni di temperatura (situazione inevitabile nel caso di una pianta appena acquistata) infatti quelli troppo chiusi spesso non giungono alla fioritura ma cadono.

Buon acquisto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *