Conosciamo la Bougainvillea

La bougainvillea è una pianta rampicante insolita, con brattee colorate che vengono spesso scambiate per petali, nel centro delle quali si trovano i minuscoli fiori.

Ne esistono molte varietà, che comprendono ibridi il cui colore varia dal bianco al giallo, fino al rosso acceso.
È una pianta originaria del Brasile, dalla crescita vigorosa e gambi spinosi: per la coltivazione in casa è bene scegliere la varietà più piccola, la bougainvillea glabra.

Ecco di seguito alcuni consigli per curarla al meglio!

 

La giusta temperatura

Con temperatura sui 21°C, in luogo ben ventilato e con moltissimo sole, la bougainvillea “fiorirà” quasi ininterrottamente: sopporta anche temperature più fredde, purché le venga consentito un periodo di riposo alla fine della fioritura, solitamente in autunno e inverno.
La pianta fiorirà poi da primavera fino a tarda estate.

Per mantenerla, è necessaria una temperatura minima di 17°C in inverno e di 13°C in estate; durante la stagione della crescita è ottimale una temperatura di 16°C.

 

La luminosità ideale

Sistema la pianta dove possa ricevere almeno quattro ore di luce solare diretta al giorno, oltre che luce diffusa per il resto del tempo.
Affinché la crescita sia equilibrata dovresti girare regolarmente il vaso: la bougainvillea inoltre cresce meglio se il vaso è spazioso.
Gli esemplari più grandi, se posti di fronte ad una parete bianca illuminata potranno beneficiare di una buona luce diffusa assai utile per crescere bene.

 

Annaffiatura ed umidità

Lascia asciugare leggermente il terriccio prima di irrorare: da inizio primavera fino a tarda estate la pianta va bagnata solo quando è necessario mentre durante il periodo di riposo le bagnature vanno diradate.
In caso di caldo irrora al mattino presto, per evitare che l’acqua sulle foglie esposte al sole provochi bruciature. Aumenta la ventilazione per prevenire malattie.

 

La concimazione

Concima ogni 14 giorni con fertilizzante per piante da interni: per le piante adulte puoi diluire a metà della concentrazione. Fai attenzione a non concimare durante il periodo di riposo.

 

Il rinvaso

Rinvasa ad inizio primavera usando un terriccio a base di terra grassa. Per le piante più grandi, cambia semplicemente lo strato superiore del terriccio.

 

I parassiti e le malattie

La bougainvillea generalmente non è soggetta a parassiti malattie. Per mantenerne la forma potala in autunno.

 

[box type=”info”]

Intelaiatura di sostegno

I gambi non possono sostenere il peso della pianta: nell’ambiente naturale essa cresce appoggiata agli alberi vicini.
Per le piante più grandi usa un tutore di canna flessibile o archetti di sostegno; per quelle piccole occorrerà un archetto più robusto a mano a mano che cresceranno.
L’alternativa è usare del filo di ferro plastificato ed arrotolato due volte, e conficcare gli estremi nel terriccio.
[/box]

2 commenti per “Conosciamo la Bougainvillea

    • Le Georgiche

      Questo succede normalmente quando la pianta non è esposta in pieno sole, quindi la prima cosa è verificare l’esposizione. più è in pieno sole, più bratee produce.
      Secondariamente la bouganvillea ha bisogno di concimazioni regolari (primavera estate ogni settimana) e di un terreno che dreni bene l’acqua (non cresce bene in terreni argillosi, pesanti e poco fertili)
      Altra cosa che inibisce la fioritura è eccesso di irrigazione: l’acqua va data solo quando il terreno è completamente asciutto, ne va data poca, se è in vaso dovresti evitare di creare acqua di scolo nel sottovaso, o comunque nel caso allontanarla.
      Ultima cosa: terminata la fioritura , tagliala i rami in punta riducendoli di 5-7 cm, stimolerai la fioritura dell’anno successivo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *