Iscriviti alla nostra newsletter ed entra nel #clangeorgici Iscriviti ora

Cura delle piante

Oggi vogliamo guidarvi alla scoperta di una pianta affascinante che affonda le sue radici nella storia millenaria della Terra: il Cycas revoluta. Con la sua maestosa bellezza e la sua presenza unica, il Cycas revoluta è una pianta che ha affascinato l’umanità per secoli.

In questo articolo esploreremo la storia, le caratteristiche e le curiosità legate a questa affascinante cicada, nota anche come “palma nana“, “cicada del Sago” o “palmifoglio del Giappone“. Vi porteremo in un viaggio attraverso le origini di questa pianta, esploreremo le sue caratteristiche distintive e vi forniremo consigli utili per la sua coltivazione e cura. Pronti per questa pianta estremamente #MakeTheJungle ?

Cycas revoluta vista dall’alto

Cura del Cycas

Cycas revoluta

Il Cycas revoluta è una pianta dall’aspetto coriaceo e resistente, vediamo subito come farlo crescere al meglio!

Quale esposizione dare al Cycas

Il Cycas predilige in casa posizioni luminose, anche di sole diretto durante l’inverno, nei mesi più caldi è solitamente consigliato di evitare la luce diretta per non far bruciare le foglie, a noi però non è mai successo di vedere bruciature sugli esemplari di Cycas revoluta tenuti all’interno. Poca luce potrebbe però comportare foglie rade e un aspetto malato della pianta.

All’esterno sopportano bene posizioni sia di sole sia di mezz’ombra.

Il Cycas revoluta può rimanere all’esterno tutto l’anno, ma se si preferisce spostarlo solo durante i mesi più caldi vi consigliamo di seguire le corrette indicazioni per l’harden off!

Che temperature vuole il Cycas

È una pianta piuttosto rustica, resiste (per brevi periodi) fino a -5/-10°C. In ogni caso il Cycas predilige condizioni calde e umide e va tenuto al riparo dalle correnti d’aria e/o dalle fonti di calore.

Minime consigliate: 3-5°C

In inverno, nel caso le temperature scendessero troppo, è consigliato proteggere le piante con dei teli tnt o dei sacchi di juta.

Foglie del Cycas revoluta

Come innaffiare il Cycas

I Cycas revoluta hanno una buona resistenza alla siccità ma in estate meglio mantenere sempre fresco il terreno o attendere che la superficie asciughi, andando poi verso l’inverno diradare le bagnature, eseguendo quella successiva soltanto quando i primi strati di terreno risultano asciutti.

Quale substrato scegliere per il Cycas

Sono piante poco schizzinose per quanto riguarda il terreno, è però essenziale che sia un substrato con un ottimo drenaggio e con inerti in miscela. Se possibile prediligono un pH acido o neutro.

Amano i vasi in cotto, evitando se possibile quelli smaltati, in modo da favorire la traspirazione del materiale.

Come concimare il Cycas

Durante la stagione vegetativa (dalla primavera all’autunno), concimare mensilmente con prodotti che contengono manganese. Oppure utilizzare un concime a lenta cessione 2 o 3 volte durante la fase vegetativa.

Noi vi consigliamo questi prodotti:

Quando rinvasare il Cycas

Essendo piante che crescono molto lentamente, le Cycas richiedono un rinvaso ogni circa 2/3/4 anni (qui vi lasciamo l’articolo dove vi spieghiamo come capire se la pianta ha bisogno di un rinvaso) . Essendo che il rinvaso, e quindi il rinnovo della terra, vengono fatti così di rado a volte è consigliato inserire la leonardite per ripristinare lo stato del terreno. Questa operazione è da fare 2 volte all’anno, preferibilmente a marzo e settembre e si esegue in questo modo:

  1. rimuovere i primi centimetri di terreno;
  2. inserire la leonardite (noi vi consigliamo Biotron S di Cifo);
  3. ripristinare i centimetri tolti in precedenza con del terriccio fresco
Biotron S di Cifo

Come propagare il Cycas

Il Cycas si può propagare per seme o per polloni.

Come e quando potare il Cycas

Cycas revoluta al quale sono state rimosse le foglie vecchie

Per la potatura vi sono due linee di pensiero:

  1. potare una volta l’anno (verso maggio), andando a rimuovere tutte le foglie vecchie, questo dovrebbe dare forza alle nuove foglie di aprirsi dalla sommità e di rifare le corone nuove di vegetazione;
  2. la scuola di pensiero inversa invece sostiene vadano lasciate attaccate alla pianta anche le foglie vecchie fino a quando non sono completamente secche

Entrambe le linee non danneggiano la pianta, ogni fiero coltivatore di Cycas revoluta decide quale preferisce 😉

Parassiti e malattie del Cycas

Solitamente è esente da parassiti ma può essere oggetto di attacchi da parte della cocciniglia e del del ragnetto rosso.

Miscela di pronto intervento contro afidi, cocciniglia e tripidi

Contro la cocciniglia si può utilizzare il Sanium, una molecola tradizionale ancora in commercio che però va a colpire tutti gli insetti presenti sulla pianta. Se preferite invece utilizzare dei metodi naturali consigliamo una miscela diluita in 1 l d’acqua, di pronto intervento composta da:

Anche gli acari possono essere contrastati con dei prodotti naturali (i prodotti tradizionali sono ormai stati tolti dalla libera vendita), vi consigliamo questa miscela (sempre in 1 l d’acqua):

Miscela contro gli acari

Le infezioni iniziali del ragnetto rosso si possono contrastare anche lavando la pianta, gli acari odiano l’acqua!

Il Cycas non è pet-friendly

Il Cycas revoluta non è tossico per gli esseri umani, è importante notare che può essere potenzialmente tossico per gli animali domestici, compresi cani e gatti, se ingerito.

Tutte le parti del Cycas revoluta, comprese le foglie, i semi e il fusto, contengono una tossina chiamata cycasina. La cycasina può causare sintomi come irritazione gastrointestinale, vomito, diarrea, letargia e persino insufficienza epatica nei cani e nei gatti. Pertanto, se si hanno animali domestici, è consigliabile evitare di tenere questa pianta in luoghi accessibili a loro, specialmente se sono inclini a mordicchiarla o a mangiarne parti.

Sebbene ogni animale possa reagire in modo diverso alla tossina, è sempre meglio essere cauti quando si tratta di esporre i nostri animali domestici a piante potenzialmente tossiche. Se si sospetta che l’animale domestico abbia ingerito parti di un Cycas revoluta o mostra sintomi di intossicazione, consultare immediatamente un veterinario per una valutazione e un trattamento adeguati.

Problemi ricorrenti del Cycas

Dettaglio delle foglie del Cycas revoluta

I Cycas sono facili da coltivare e mantenere, ma richiedono alcune condizioni specifiche perché possano essere in salute, vediamo alcune fra le problematiche più comuni.

Foglie ingiallite

L’ingiallimento è comune nelle foglie esterno più vecchie e può essere attribuito al normale ricambio. L’anello di foglie più basso solitamente è composto dalle foglie più vecchie e saranno loro le prime ad ingiallire. Queste foglie però non vanno rimosse finché non saranno diventate marroni.

Un’altra causa dell’ingiallimento fogliare potrebbero essere gli insetti, oppure, se non si notano parassiti si potrebbe sospettare di una carenza di manganese nel terreno. In questo caso applicare della polvere di solfato di manganese nel substrato 2 o 3 volte all’anno o i prodotti che vi abbiamo indicato in precedenza. Le foglie gialle non torneranno verdi, ma quelle successive saranno in salute.

Foglie che appassiscono e/o cadono

Questo può essere sintomo di marciume radicale, un’infezione fungina spesso causata da troppa acqua o dall’uso di un terreno compatto e poco drenante. Il marciume si manifesta anche con macchie nere sul tronco. Quest’infezione provoca l’appassimento delle foglie che poi cadono. Se preso in tempo si può procedere con la rimozione del fogliame ormai rovinato e trattare la pianta con uno spray fungino o un fungicida sistemico.

Se la pianta ha perso troppe foglie significa che potrebbe aver passato il punto di non ritorno.

Macchie nere sulle foglie

Le macchie potrebbero essere visibili dopo un attacco parassitario e sono date da sporcizia o dalla fumaggine. La fumaggine è un fungo che cresce sulle secrezioni lasciate dagli insetti (per rimuovere la melata è ottimo pulire le foglie con un pannetto imbevuto di sapone molle), può essere lavato via on un po’ d’acqua corrente. Il fungo di per sé non nuoce alla pianta, ma man mano espandendosi limita la superficie fotosintetizzante delle foglie.

Conosciamo il Cycas

Il Cycas è una perenne sempreverde simile ad una palma a crescita lenta, con foglie pennate ed arcuate, lunghe fino a 1,5 m e infiorescenze ovoidali marrone dorato che si vedono raramente tranne che su piante mature. Hanno tronchi robusti e legnosi.

Può essere sia un’ornamentale da esterno, sia una pianta da appartamento.

Può raggiungere una dimensione massima di 1-1,5 m in circa 20-50 anni. Ha una crescita estremamente lenta, aumentando solo di pochi centimetri l’anno, arrivando, a volte, nel corso dell’anno stesso a mettere una sola nuova fronda.

Descrizione tassonomica

Il Cycas revoluta fa parte della famiglia Cycadaceae, che comprende diverse altre specie di cicade. È un membro del genere Cycas, che comprende circa 100 specie di cicade. Il nome scientifico “Cycas” deriva dal greco antico e significa “ciclo” o “cerchio“, facendo riferimento alla forma arrotondata delle foglie di molte specie di cicade. “Revoluta” fa riferimento alla caratteristica delle foglie di questa specie, che si arrotolano all’apice.

Il Cycas revoluta è una pianta gymnosperma, che significa che produce semi non fioriti.

Sono piante perenni dioiche.

Habitat

Il Cycas revoluta è originario delle regioni subtropicali del Giappone meridionale, in particolare dell’isola di Kyushu. Questa pianta è stata tradizionalmente trovata negli habitat naturali delle foreste costiere e delle zone rocciose della regione. In queste aree, il Cycas revoluta cresceva su terreni ben drenati, spesso su pendii rocciosi o su suoli sabbiosi.

Cycas: una pianta fossile

Il genere Cycas, che include il Cycas revoluta, ha una storia molto antica che risale a milioni di anni fa. Le cicade sono piante gymnosperme, che sono piante a semi non fiorite, simili alle conifere. Sono considerate tra le piante più antiche sulla Terra e hanno un legame evolutivo con i primi alberi che sono comparsi oltre 300 milioni di anni fa durante il periodo del Permiano.

Le cicade erano molto più diffuse e diverse nel corso del tempo geologico rispetto a oggi. Erano presenti in molte parti del mondo e costituivano un importante componente delle foreste e delle comunità vegetali dell’epoca. Durante l’era mesozoica, che comprende il periodo dei dinosauri, le cicade erano piante comuni e rappresentavano una componente significativa della flora terrestre.

Negli anni, molte specie di cicade si sono estinte, ma alcune sono sopravvissute fino ai giorni nostri. Il Cycas revoluta, è una di queste specie sopravvissute. È stato oggetto di coltivazione e apprezzamento estetico per secoli in molte parti del mondo, diventando una delle cicade più popolari nelle collezioni di piante ornamentali.

Curiosità

La storia del Cycas revoluta è strettamente legata alla cultura giapponese, dove è conosciuto come “Sotetsu“. È stato coltivato e apprezzato come pianta ornamentale nei giardini giapponesi tradizionali per secoli. La sua forma elegante e le foglie rigide e lucide lo hanno reso una pianta molto apprezzata per la sua bellezza architettonica.

Esemplari di Cycas revoluta
Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti

  1. Claudio (Modifica)

    e’ stato molto utile seguire i vostri consigli e ne faro’ tesoro.
    Sarei ben felice ricevere i vostri consigli.

    Grazie!! cordiali saluti Claudio

  2. Sebastiano (Modifica)

    Grazie Claudio, iscriviti alla nostra newsletter e non perderai più nemmeno uno dei nostri suggerimenti 😉 grazie ciao!

  3. Gianna (Modifica)

    Avete dato delle spiegazioni e informazioni molto utili. Io ho acquistato da poco una cycas ed essendo piccola circa 35-40 cm. Di altezza ha un vaso piccolo. Che dite lo devo mettere più grande? Grazie per la risposta!

  4. Sebastiano (Modifica)

    Ciao Gianna, di norma ha bisogno di rinvasi poco frequenti per cui aspetta di vedere le radici abbastnza fitte sulla superficie della zolla per procedere. Nel caso passala pure in un vaso 4-6 cm più largo in diametro.
    Grazie e buona giornata

  5. Claudia (Modifica)

    Il cycas può stare vicino ad un deodara?

  6. Mirella (Modifica)

    Ciao, vivo in Istria nella parte interna sotto il Monte Maggiore e un mese fa ho acquistato una piantina di Cycas che era molto carina, peccato che ancora in vaso (vorrei metterla in terra), abbiamo avuto 4giorni di Bora, pioggia e temperature a 0 gradi e dopo qualche giorno, la pianta nella parte interna sia totalmente ingiallita. La corona esterna è ancora verde. Sulle foglie gialle da 3 giorni fa hanno iniziato a comparire delle macchie nere ma non sono come nella tua descrizione nel video. Vorrei mandarti le foto ma qui non c’è la possibilità di inviarle. Vorrei in merito la tua opinione. Grazie Mirella

  7. Sebastiano Guarisco (Modifica)

    Ahia Mirella, il fatto che siano ingiallite quelle all’interno non è una bella cosa … però senti, vediamo ora che parte la stagione cosa succede e se verso maggio-giugno con il caldo fa partire foglie nuove

  8. Sebastiano Guarisco (Modifica)

    Ciao Claudia, si non vedo problemi

  9. Antonio (Modifica)

    Vorrei sapere se gli ovuli prodotti
    Da una ct ad possono essere interrati ed in quale periodo dell’anno

  10. Enrico Nulli (Modifica)

    Buona sera chiedo un consiglio ho un cycas da molti anni che ha cresciuto due piccoli cycas ai lati come e quando spostarli in vasi separati?

  11. Sebastiano Guarisco (Modifica)

    Ciao Antonio,
    secondo me la primavera è un ottimo periodo per farlo, diciamo che è peretto il periodo di inizio vegetazione della pianta

  12. Sebastiano Guarisco (Modifica)

    Ciao Enrico, l’inizio della stagione vegetativa (es maggio-giugno) è perfetto. Dovresti riuscire a espiantare il figlio scavandoci un po’ intorno e tagliando con una lama la parte di apparato radicale che lo lega alla madre.

Articoli correlati