I lavori in giardino nel mese di ottobre

E’ ormai iniziato l’autunno: nei prossimi tre mesi a poco a poco la natura prenderà quegli splendidi colori che sono necessari a scaldare i cuori in vista delle temperature invernali.

La prima cosa da ricordare è che già verso la metà del mese è bene portare al riparo le piante in vaso non resistenti al gelo: prediligi un ambiente interno non riscaldato e con una buona luminosità.
Se disponi di un sistema di bagnatura automatico, in casa o sul terrazzi, è inoltre giunto il momento di regolarlo riducendo l’apporto di acqua.

 

La manutenzione del prato

Il provetto giardiniere sa che dal mese di ottobre non è più necessario falciare il prato: un paio di tagli sono più che sufficienti. Inoltre l’altezza dell’erba va aumentata rispetto alle ultime volte: alla fine del mese dovrà essere di circa 3,5-4 centimetri.

L’ultima concimazione della stagione va effettuata alla fine di ottobre: nel periodo autunnale infatti gli elementi nutritivi vengono usati per produrre della nuova vegetazione.

Non tralasciare inoltre di arieggiare il terreno in modo da favorire lo sgrondo dell’acqua: puoi utilizzare una forca a denti lunghi oppure uno scarificatore elettrico, in base alla dimensione del prato. Terminato il trattamento, per riempire gli spazi vuoti lasciati dagli attrezzi distribuisci uno strato di sabbia.

Infine, come già consigliato in un post specifico, dopo aver ripulito dalle infestanti è possibile, volendo, seminare nuovamente il prato.

 

Piante e fiori, aiuole e cespugli

Elimina le piante estive appassite e somministra ancora un po’ di fertilizzante alle varietà a fioritura invernale.

È il momento ideale per piantare rosai ed arbusti, e per interrare i bulbi da fiore conservati con tanta cura. Crocus, narcisi, tulipani, bucaneve, campanule, iris, allium, gigli, giacinti, muscari: c’è l’imbarazzo della scelta! L’unico consiglio è quello di scegliere fioriere resistenti al gelo, in quanto i fiori si lasceranno ammirare solamente in primavera.

Durante tutto il corso del mese è possibile sfruttare le talee di alcune piante ornamentali per dare vita a nuovi fiori e piante: è il momento ideale per le talee di rose, delle piante rampicanti come i bougainville, delle camelie e delle ortensie. Le talee andranno poi inserite nel terriccio ad una profondità di un paio di centimetri.

 

L’orto e gli alberi da frutto

Se non l’hai fatto a settembre, nel mese di ottobre è ormai necessario che tu concluda la raccolta degli ortaggi estivi e, pensando già alla prossima primavera, pulisca per bene le aiuole. Tutti i residui colturali vanno eliminati: gettali nel cumulo del compostaggio se ne possiedi uno.

Nel mese di ottobre maturano diverse varietà di mele e prosegue la raccolta delle varietà tardive di fichi, lamponi, pere ed uva. Si conclude anche la raccolta delle noci e si raccolgono gli ultimi peperoni e pomodori.
E’ tempo di andar per funghi e castagne!

Se hai un orto casalingo è probabile che, per evidenti questioni di temperatura, tu debba preparare il terreno in aiuole protette o in vasi da collocare ad esempio sul balcone. La scelta è ampia: puoi seminare carote, finocchi, cavolo verza, piselli, cime di rapa, fave, ravanelli, barbabietola, bieta, indivia, lattuga… ed ancora: prezzemolo, spinaci e radicchio, rucola, scarola, lattughino e valerianella.

Tieni controllato il calendario lunare e buon lavoro!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *