LONICERA FRAGRANTISSIMA

È un arbusto a foglie caduche di dimensioni medie, appartiene alla famiglia  delle Caprifoliaceae, a maturità raggiunge i 3 m di altezza e i 2 di larghezza,  originario della Cina e dell’Asia orientale, giunse in Europa nel 1845 grazie a Robert Fortune.

Qui puoi trovare la Lonicera Fragrantissima

Ha fusti lunghi e sottili, arcuati e molto ramificati. I suoi rami sono di color porpora scuro mentre le sue foglie sono ovali, lunghe 4-5 cm, di color verde scuro opaco.

Nei mesi di gennaio e febbraio, la Lonicera, perde tutte le  sue foglie, producendo numerosi fiori bianco/crema, molto profumati,solitamente in gruppi di 3 o 4 per volta. In primavera i fiori vengono sostituiti dalle bacche dal color verde, in gruppi di 2-3 per volta, che diventano rosse in estate.

Puoi utilizzare la Lonicera come arbusto isolato, per siepi libere, bordure miste e anche in vaso, in abbinamento ad altri esemplari a fioritura invernale come il Calicanthus praecox, la Forsythia, e il  Jasminum nudiflorum.

Lonicera_fragrantissima,_fruit_-_as_borne_on_the_plant,I_SB20761

ESPOSIZIONE: è una pianta  rustica e quindi può vivere all’aperto per tutto l’anno.  La posizione ideale è a mezz’ombra, dove resta illuminata durante il mattino e riparata nelle ore più calde.

TEMPERATURA: è una pianta molto rustica è infatti può tollerare temperature fino ai -30°C

TERRENO: Si adatta bene a tutti i tipi di terreno. La Lonicera preferisce i terreni ricchi, sciolti e ben drenati, ma può sopportare anche i terreni argillosi e molto asciutti.

ACQUA: in estate va innaffiata con regolarità, quando il terreno si è asciugato, anche se può sopportare  periodi di siccità, sopravvivendo con le sole precipitazioni naturali.  Le sue radici gradiscono un ambiente fresco ma fai attenzione ai ristagni idrici e ai conseguenti marciumi radicali.

CONCIME: si consigliano due concimazioni durante l’anno: la prima in autunno, a Ottobre, con dello stallatico e del concime granulare a lenta cessione, la seconda in estate, a Giugno.

POTATURA: si consiglia di evitare la potatura negli esemplari giovani e solamente dal  3°anno di vita si possono accorciare i rami e a fine inverno 

lonicera_NG12

effettuare la pulizia dei rami danneggiati o morti.

MESSA A DIMORA: la Lonicera può essre messa a dimora durante tutto l’anno.

RIPRODUZIONE: la sua riproduzione avviene per seme, all’inizio dell’autunno, oppure per talea, dopo la fioritura.

PARASSITI E MALATTIE: la Lonicera è una pianta rustica ma può essere colpita da oidio, afidi e mal di piombo, che se sottovaluti possono portare alla morte della pianta. Soffre di malattie fungine se sottoposta a ristagni idrici.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *