• Erba per gatti VS Nepeta cataria! Cosa vuole il vostro gatto?

    Acquista qua la tua nepeta cataria!

    Acquista qua la tua erba gatta!

    Nepeta cataria o erba per gatti? Cosa scegliere?

    Siamo a maggio, ormai San Valentino è passato ma infondo è solo un giorno! Ah che bello il romanticismo che si respira comunque nell’aria di casa.

    Dopo tutte le volte che avete dormito insieme, in cui sono scappate carezze, in cui avete incontrato il suo sguardo. Dopo tutte le volte che vi ha migliorato la giornata e distrutto anche il vaso del salotto, dopo che ve ne siete tanto innamorati, non pensate che sia giunto il momento di regalargli la pianta giusta per lui?

    Or’ora decidete, nepeta cataria o erba per gatti? Forza, subito, in nome di Cupido portate al vostro amato un regalo che ben si confà alla sua indole! Non distraetevi con l’umano che vi fa battere il cuore ma concentratevi sul gatto che ve l’ha rubato.

    Se avete adottato un gatto sicuramente non potete sottrarvi dall’amarlo, lui, con il suo fare fiero, gli occhi grandi e quel cipiglio di superiorità fa parte della vostra famiglia e ogni giorno vi impegnate a dargli il meglio.

    Ogni tanto volete anche viziarlo, insomma, essere così magnifico gli richiederà fatica, è giusto premiarlo, ma con cosa? Normalmente si pensa all’“erba gatta” ma non si sa che, in realtà, quel termine viene utilizzato per identificare 2 piante ben diverse. Ve lo abbiamo accennato nell’articolo sulle piante pet-friendly, andiamo adesso a fare un po’ di luce su queste due tipologie, così da poter scegliere ciò che fa per noi! Leggi Tutto

  • Idroponica, cos’è e come si fa!

    Acquista il kit per sperimentare l’idroponica!

    Acquista il concime nutrimento base per l’idroponica

    Avete mai sentito parlare dell’idroponica?

    Forse no e non è un gran problema. In effetti non è fra le cose più conosciute, anzi, con quel nome un po’ altisonante può dare la sensazione di qualcosa di complesso  e, in fin dei conti, cosa può spingere una persona a lasciare le sue comuni pratiche che tra l’altro funzionano bene, per addentrarsi in qualcosa di più complesso?

    A parer di profano forse nulla, ma si sa che, insito nell’essere umani c’è un lato che è ben presente e che, sin dai primi movimenti, ci spinge verso tutto ciò che poi impareremo: la curiosità.

    Ebbene sì, la curiosità, quella piccola e subdola amica che vi sta spingendo a leggere questo articolo perché “insomma, adesso voglio sapere cos’è l’idroponica”.

    Siccome ve ne stiamo parlando noi intuirete sicuramente che si parla del mondo della botanica, ma in cosa consiste? Come si realizza? Perché abbiamo deciso di parlarvene? Una cosa per volta! Leggi Tutto

  • Aglio orsino, la rivincita dell’aglio


    Acquista qua il tuo aglio orsino!

    Aglio, aglio orsino… mh, saranno la stessa cosa? Partiamo dalle basi.
    Aglio. C’è chi lo odia e chi lo ama, difficilmente qualcuno rimane indifferente quando nel piatto si trova lui, bianco e liscio.

    L’aglio è come una mela della discordia, in grado di dividere a metà le opinioni culinarie degli italiani. I combattenti pro aglio alzano stendardi in merito al suo sapore particolare, alla sua capacità di rendere più intenso ogni piatto, di attribuire alle bruschette del mondo le vere caratteristiche di una bruschetta d’onore, che altro? Ah sì, è salutare e apporta all’organismo molti benefici.

    Poi c’è l’altro schieramento, chiamateli vampiri, chiamateli come volete, ma loro agiscono nell’ombra. Setacciano i piatti come si trovassero in un campo minato, fissano e annusano, alla ricerca del minimo segnale d’allarme, loro sanno che l’aglio si mimetizza come neanche il miglior camaleonte saprebbe fare, loro sanno che lui è lì, in agguato, ibrido fra aroma, patata e il male.
    Loro sanno e questo basta.

    Che facciate parte di uno schieramento o dell’altro, abbassate le armi. Seriamente, voi del primo gruppo, via quei crocefissi, non è il caso di prendersela tanto.

    Oggi siamo pronti a presentarvi una variante che magari avrete sentito ma a cui non avete prestato molta attenzione: l’aglio orsino!

    Ve lo abbiamo nominato fin da subito, l’aglio orsino, molto spesso, viene confuso con l’aglio canonico, ma è in realtà una varietà ben distinta, si tratta infatti di una versione selvatica del comune aglio.
    Cresce spontaneamente e, oltre ad essere commestibile è ricco di moltissime proprietà benefiche.

    FERMI FERMI FERMI! Voi del secondo schieramento, sappiamo che vorreste fuggire, ma prestateci ascolto, l’aglio orsino è diverso dall’aglio comune, sia per le proprietà che per il sapore, è più delicato e prelibato, chissà che non decidiate di dare una possibilità a questa pianta! Leggi Tutto

  • Monstera deliciosa, un mostro di pianta

    Acquista subito la tua Monstera!

    La Monstera deliciosa è una pianta che dal nome non si direbbe una gran conquista per la casa.

    Insomma, “Monstera”, basta togliere l’ultima lettera che ci troviamo subito in un film horror, magari uno di quelli di serie B, un po’ pacchianelli con gli attori che se ne vanno in giro in costume facendo strani versi per tentare di aumentare un po’ la discutibile credibilità. Ecco, forse è pittoresco ma alla mente a noi salta questo.

    Peccato che non potremmo essere più lontani di così dalla realtà. La Monstera deliciosa si può sicuramente legare alla figura di un mostro, ma di pacchiano proprio non ha nulla! Infatti quella di cui vi parliamo oggi è una bella pianta da interno, un’ornamentale che non farà paura a nessuno ma che saprà dare carattere ai vostri ambienti! Leggi Tutto

  • Una vera forza della natura, la Tillandsia!


    Avete mai sentito parlare delle Tillandsie?

    Sono delle piante particolari e, quando diciamo “particolari”, lo intendiamo davvero.

    Basti pensare a ciò che nel nostro immaginario costituisce una pianta: terra, radici, fusto, rami, foglie e, qualche volta, anche fiori.

    E adesso invece immaginiamo una pianta che non necessita di terra. Allora la mente si sposta un po’ e magari pensa alle ninfee o ai fiori di loto, le piante acquatiche insomma.

    Ancora non ci siamo. Le Tillandsie non hanno nemmeno bisogno di crescere nell’acqua. Non vi sembra già strano così? Aggiungiamo anche un’altra bizzarria: non hanno radici sotterranee.

    Riuscite ad immaginare una pianta a cui mancano i primi 2 fondamenti che nella mente di ognuno simboleggiano il mondo botanico? Forse si fa un po’ fatica, ma vi assicuriamo che il viaggio fra le Tillandisie è un percorso straordinario che vale assolutamente la pena intraprendere. Rappresentano la forza della natura, certo non nella sua forma più vistosa e spettacolare, ma in una più piccola e aggraziata, tranquilla ma altrettanto tenace.

    Bene, meraviglia in spalla e via con l’avventura! Leggi Tutto