Tea Tree, come coltivare la portentosa Melaleuca alternifolia!

 

Acquista qui il tuo Tea Tree!

L’albero del tè non è semplice da presentare.

Si parla di una pianta che viene spesso, almeno in termini, scambiata con la pianta per produrre il tè, ma quella è la camellia sinensis, tutto un altro genere!

Il nostro caro albero del te però, non ha nulla da invidiarle.

Ha una figura molto particolare, osservando i suoi rami sembra che dei fiocchi di neve vi siano rimasti poggiati sopra.

Guardatela bene: i rami avvolti nelle fioriture bianche, pompose e dall’effetto quasi piumato, non vi ricordano un po’ i cristalli ghiacciati che compongono la neve?

Insomma, osservare i rami ondeggiare al vento riporta un po’ l’immagine quieta e intensa di una fredda mattina d’inverno.

L’albero del tè però non è solo bello, infatti ha delle proprietà benefiche davvero notevoli!

Siete curiosi? Andiamo a scoprirle!

 

MELALEUCA ALTERNIFOLIA

La melaleuca alternifolia, conosciuta semplicemente anche come “tea tree” o “albero del tè”, è un arbusto sempreverde, appartenente alla famiglia delle Mirtacee.

È originaria dell’Australia orientale e delle coste settentrionali, è però possibile trovarla anche nelle zone del Nuovo Galles del Sud. Il genere Melaleuca conta più di 150 specie, tutte dalla folta chioma e dall’ottimo valore ornamentale, la cui altezza raggiunge solitamente un massimo di 2-3 metri.

In natura la si può trovare crescere spontaneamente presso ruscelli e paludi.

Il suo nome botanico deriva da “mélas”, cioè “nero” e da “leukòs”, “bianco”. Questo nome tanto particolare è stato dato in riferimento al colore della sua corteccia, che quando la pianta è giovane è molto chiara, andandosi poi a scurire con gli anni.

 

LA FIORITURA

Come accennavamo nell’introduzione l’albero del tè può vantare una fioritura davvero graziosa. Nella sua forma più comune è bianca, ma a seconda delle varietà la si può trovare anche in altri colori.

Durante i mesi caldi, inoltre, ai fiori bianchi si unisce qualche ciuffo colorato dato dagli stami, rendendo la pianta ancora più vivace e piacevole.

Senza dimenticare poi i suoi frutti legnosi, che con la loro forma sferica vanno quasi ad impreziosire i rami.

 

COLTIVAZIONE

L’albero del tè è una pianta piuttosto delicata, quindi se vogliamo accertarci che cresca nel migliore dei modi, è bene prestare attenzione alle sue esigenze, in particolare all’esposizione!

 

MESSA A DIMORA

Nonostante quello che si possa pensare non c’è un vero e proprio “periodo per la messa a dimora”, questo perché le piante acquistate in vivaio, quindi come quelle che potete trovare sul nostro e-commerce, o da noi in sede, sono adatte ad essere messe a dimora durante tutto l’arco dell’anno, in quanto possiedono radici già formate ed in grado di acclimatarsi correttamente.

L’unica cosa a cui fare attenzione è l’idratazione. Le due settimane successive alla messa a dimora è consigliabile dare frequentemente da bere al Tea Tree.

 

TEMPERATURE

Mentre il caldo non le fa niente, il freddo e l’umidità sono nemici che potrebbero esserle fatali. Se vivete al sud e potete contare sul fatto che le temperature non scendano mai sotto i 5°C, allora potete piantarla in piena terra e ricorrere ad una protezione nel caso in cui la temperatura si abbassi molto. Per proteggerla è sufficiente ricoprire la terra circostante con paglia o foglie secche.

Altrimenti è meglio coltivarla in vaso, in modo da poterla spostare in un luogo riparato all’arrivo del grande freddo invernale.

 

ESPOSIZIONE

Ama il calore e la luce, per cui l’ideale è metterla a dimora in posizioni di pieno sole.

 

INNAFFIATURA

Nei mesi caldi è importante assicurarle una buona quantità di acqua, mentre in Autunno e Inverno basterà bagnarla soltanto una volta ogni due o tre settimane. È importante, durante i mesi freddi, che il terreno sia asciutto da qualche giorno prima di procedere con una nuova innaffiatura.

 

CONCIMAZIONE

Verso la fine dell’Inverno è utile dare dello stallatico o del concime per cespugli, in modo da aiutare la pianta che sta per apprestarsi ad entrare nella fase vegetativa.

 

TERRENO E RINVASO

L’albero del tè si adatterà bene praticamente ad ogni terriccio, ma è consigliabile l’utilizzo di un terreno tendenzialmente acido, ben drenante e il più leggero possibile.

“IL GUARITORE PIÙ VERSATILE DELLA NATURA”

Così la tribù Bundjalung definisce l’albero del tè. Questa tribù originaria dell’Australia sin dai tempi più antichi utilizza il suo estratto, l’olio di Melaleuca. Ma la grande fama di questo prodotto non è soltanto una credenza popolare, infatti le proprietà benefiche del tea tree sono state confermate dalla comunità scientifica.

Il fraintendibile nome di questa pianta deriva proprio dai tempi passati, quando James Cook, l’uomo che scoprì l’Australia, prese esempio dalle popolazioni autoctone e cominciò ad utilizzare le foglie di melaleuca per preparare il tè, usanza che poi si espanse fra i marinai inglesi lì approdati, desiderosi di poter prendere l’amato tè delle cinque. Dopodiché il nome rimase identificativo della pianta, nonostante non si riferisse al canonico tè che invece ha origine dalla Camellia Sinensis.

 

OLIO ESSENZIALE DI MELALEUCA

Quest’estratto si sta diffondendo sempre più, proprio grazie ai mille utilizzi a cui si presta.  L’olio viene realizzato distillando le foglie del Tea Tree, il governo australiano ha tracciato precisi dettami affinché la sua produzione fosse normata in modo specifico e corretto. Il liquido ambrato ha un intenso e piacevole profumo che ricorda la noce moscata.

Negli anni ’30, l’olio essenziale di Melaleuca è stato riconosciuto a livello scientifico e viene, tutt’oggi, regolarmente prescritto dai dottori. Naturalmente, in molti casi, non è paragonabile ai farmaci di sintesi o agli antibiotici, ma è comunque un’ottima scelta per chi predilige prodotti naturali.

Cerchiamo adesso di vedere le sue principali proprietà:

  • Antisettiche;
  • Antimicotiche;
  • Antibatteriche;
  • Antivirali;
  • Deodoranti;
  • Conservanti;
  • Leggermente anestetiche.

I composti organici contenuti in questo portentoso olio sono ben 48 ma è grazie al Terpinene (30% del composto) e al Cineolo (15%) che la sua efficacia è tanto forte.

 

IN QUALI CASI CI PUÒ AIUTARE?

Le malattie e/o i disturbi per i quali l’olio di tea tree si rivela essere d’aiuto sono molteplici le più note sono:

  • Dermatiti;
  • Prurito;
  • Lievi ustioni;
  • Eritema solare;
  • Micosi di pelle e unghie;
  • Acne;
  • Herpes;
  • Porri e verruche;
  • Forfora;
  • Infiammazioni delle gengive;
  • Afte;
  • Faringiti;
  • Influenza.

Questi sono solo alcuni dei benefici che l’olio essenziale di Melaleuca può apportare, poi moltissimo dipende in quale forma lo si desidera usare. È infatti declinato in tantissimi prodotti, dalle creme alle lozioni, dagli unguenti ai saponi, lo si può trovare anche dentro a molteplici tipi di prodotti cosmetici e prodotti per l’igiene domestica.

 

CONTROINDICAZIONI

Come ogni cosa anche questo estratto va usato con una certa attenzione.

Nonostante il rassicurante nome di “Tea Oil”, che ci potrebbe spingere a pensare che berne un pochino potrebbe fare solo bene, in realtà non è assolutamente così. Quest’olio non va mai ingerito e può essere usato nella zona orale solo in quantità molto ridotte (e sarebbe comunque bene prima fare riferimento al proprio dottore).

Inoltre, è sconsigliato per le donne in gravidanza o nel periodo dell’allattamento. Anche chi soffre di allergie dovrebbe prestare attenzione, il Tea Tree Oil potrebbe contenere agenti allergizzanti.

In ogni caso è sconsigliato usare l’olio di Tea Tree puro ma è sempre meglio diluirlo.

 

Insomma, quest’olio è davvero prodigioso! Senza contare poi che la pianta da cui proviene ha la caratteristica di riuscire a dare un tocco di eleganza a tutti i giardini. Bellezza, eleganza ed utilità, cosa si potrebbe desiderare di più?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *