Aristolochia gigantea: un curioso rampicante sempreverde

Qualche giorno fa stavo leggendo di alcune ricerche condotte su Aristolochia gigantea e in particolare dei processi di impollinazione che interessano le piante appartenenti a questo genere. Non sempre si risolve tutto nella maniera più lineare del tipo ‘ape, fiore, impollinazione’: il mondo delle piante è vasto e spesso vi ritroviamo peculiari sistemi atti a garantire la riproduzione, come nel caso di Aristolochia, che ‘imprigiona’ gli insetti responsabili dell’impollinazione per poi rilasciarli ad opera compiuta.

TROVI QUI LA PIANTA DI ARISTOLOCHIA GIGANTEA

Fiori di Aristolochia gigantea

Oltre a questo particolare processo, che merita una breve trattazione, Aristolochia è un rampicante apprezzato per decorare ringhiere, berceau e reti divisorie, piuttosto semplice da curare una volta inquadrato l’intervallo di temperature alla quale può resistere.

ETIMOLOGIA

Il genere Aristolochia deve il nome alla composizione delle parole greche áristos, ‘migliore’, e lochèia, cioè ‘utero/parto’. La pianta, largamente utilizzata nella medicina antica, era ritenuta efficace per trattare dolori e infezioni legati al parto. Al paragrafo dedicato vedremo come sia oggi considerata una pianta molto tossica se non addirittura letale. Secondo Cicerone invece porta il nome del suo scopritore (cfr. De divinatione 1.10.16).

TASSONOMIA

Ci troviamo all’interno delle Aristolochiaceae, famiglia botanica comprendente sette generi e circa 400 specie di piante, la maggior parte delle quali appartenenti al genere Aristolochia.

DESCRIZIONE

Il genere Aristolochia include piante rampicanti sia sempreverdi che decidue, molte delle quali provenienti da boschi umidi di regioni tropicali e temperate di entrambi gli emisferi.

Presentano foglie intere o lobate, spesso cuoriformi. I fiori, privi di petali, presentano un calice tipicamente a forma di S (tanto da far meritare a queste piante il nome volgare di Dutchman’s Pipe) e il lobo frontale del fiore presenta motivi venati con tinte che spaziano dal viola, al giallo, al marrone.

Io che gioco con Aristolochia gigantea

HABITAT

A. gigantea è originaria di Panama.

CURA E COLTIVAZIONE

Temperature

A. gigantea può crescere all’esterno in climi con inverni miti e privi di gelate. Può scendere sotto i 10°C ma si defoglia; oltre gli 0°C la pianta muore.

Esposizione

Ama le posizioni soleggiate e non disdegna qualche ora di ombra nelle aree più assolate o nelle ore centrali delle giornate estive.

Innaffiature

Se coltivata in giardino va bagnata con regolarità durante la stagione estiva in modo che il terreno non asciughi completamente facendo attenzione che non risulti mai zuppo. Non ama molto i terreni asciutti che sono da evitare .

Substrato

Assicurarsi che il terreno sia drenante e moderatamente fertile. Se coltivata in giardino è possibile alleggerire eventuali terreni pesanti miscelandoli quanto basta con substrati di qualità o materiali inerti grossolani.

Concimazione

In aiuola e in vaso si può utilizzare un concime a lenta cessione applicato a marzo giugno settembre, per arbusti da fiore come questo.

Potatura

Se necessario intervenire in tardo inverno o inizio primavera con la potatura dei tralci al fine di mondare la pianta o gestirne la crescita.

Propagazione

Per seme e per talea.

TOSSICITA’

Sebbene largamente utilizzata come pianta medicinale fin dall’antichità, recenti studi hanno individuato nell’acido aristolochico un principio cancerogeno; ciò ha limitato (e in molti casi bandito) l’utilizzo di questa pianta nelle preparazioni medicali.

MIMESI CHIMICA E TRAPPOLE

Un tratto comune alle specie del genere Aristolochia è quello inerente ai processi di impollinazione, legati strettamente alla forma del loro fiore, privo di petali ma dotato di una livrea e di una morfologia piuttosto unici. Ricordano un po’ gli ascidi (trappole) di alcune piante carnivore come Nepenthes: l’obiettivo non è però quello di mangiare gli insetti ma quello di sequestrarli e sfruttarli per l’impollinazione.

Mimesi chimica: fingere l’odore di qualcos’altro

Le piante del genere Aristolochia sono note per emanare dai loro fiori un aroma di carne in putrefazione, in grado di attirare le mosche (sapromiofilia) e servirsene per portare a termine l’impollinazione utilizzando le stesse come insetti pronubi. Sembra che A. gigantea differisca dalle altre specie del genere per l’emissione di un profumo più gradevole, di citronella, cosa che ha sorpreso gli studiosi per via della nota proprietà repellente che essa ha nei confronti di molti insetti. In questo caso è probabile che l’intento sia quello di attirare altri tipi di insetto, come le api. Nonci occuperemo di questo aspetto ma se voleste approfondire il tema vi consiglio la lettura di una interessante ricerca che linko qui.

Il fiore è privo di petali (quindi non abbiamo la tipica corolla) ma i tre sepali sono fusi insieme nel perianzio a creare questo utricolo, un sacco con fondo cieco dotato di un collo d’ingresso aperto nel mezzo dei lobi frontali. Questi ultimi sono davvero appariscenti nei colori e nelle screziature, andando a sostituire egregiamente la funzione vessillare dei petali, qui assenti. In aggiunta, questo fiore può contare anche sulle già citate capacità di emettere aromi attrattivi per alcuni insetti pronubi.

Caratteristiche del fiore

Il fiore è zigomorfo cioè divisibile in due metà speculari secondo un solo piano di simmetria, cosa piuttosto ricorrente nei fiori di orchidea. Si tratta di fiori ermafroditi, ovvero portanti sia gli organi sessuali maschili (stami) che quelli femminili (pistilli). Altra particolarità del fiore di Aristolochia è quella di presentare questi organi fusi in un’unica struttura: l’androceo (insieme degli stami) e il gineceo (insieme dei pistilli) si trovano infatti uniti in un organo detto ginostegio.

Nel ginostegio di Aristolochia (qui in fase femminile) si distinguono le parti maschili (gialle) e quelle femminili (bianche)

Un curioso caso di proteroginia

Ecco i 4 capitoli di questo mini-thriller a lieto fine che ha come protagonista l’Aristolochia.

Può accadere che, nei fiori ermafroditi, organi maschili e femminili non maturino contestualmente ma in maniera sfasata. Nel caso di Aristolochia tocca prima a quelli femminili ed è poi la volta delle antere che contengono il polline. Si parla in questo caso di proteroginia ma ci sono specie di piante che hanno un processo esattamente contrario (si parla quindi di proterandria).

1. Fase preantetica

Le prime fasi della formazione del fiore precedono l’antesi (fase in cui il fiore è completamente funzionale) e sono evidenti nella formazione iniziale dell’utricolo che da posizione eretta passa ‘a testa in giù’. Questa fase è ben illustrata in questa ricerca. Si parla tecnicamente di resupinazione preantetica del fiore e acquisizione della curvatura del perianzio. La fase termina con il completamento del fiore, il quale non è ancora ‘sbocciato’ e i due lobi frontali sono chiusi e saldati tra loro, come nella figura sottostante.

Fiore pronto per l’apertura

2. Fase femminile

Il fiore si apre separando i lobi frontali. Gli insetti, attirati dai colori sgargianti dei sepali e dal profumo emanato, si precipitano verso l’imbocco del canale che porta all’interno dell’utricolo. L’ingresso è reso ben evidente da colori vivaci, come si nota nella figura sottostante.

Bocca di ingresso al condotto utricolare in Aristolochia gigantea

In un primo momento dell’antesi pare che il profuno non sia così intenso ma va presto ad affermarsi. All’interno del fiore i tessuti si specializzano per emettere nettare e colorarsi con maculature molto appariscenti. Nel collo dell’utricolo si formano dei tricomi che fungono da peli di guardia: sebbene permettano l’ingresso e la discesa ai visitatori, ne impediscono la fuoriuscita, intrappolandoli nell’utricolo.

Come si presenta la fine del collo in ingresso all’utricolo (vista dall’interno)

L’insetto (che si spera abbia addosso il polline di un altro fiore di Aristolochia) resterà sequestrato nel fiore, libero di cibarsi del nettare prodotto ma, ben più importante, libero di entrare in contatto con gli stigmi (parti superiori dei pistilli, sui quali il polline si deve depositare per fertilizzare gli ovuli). Gli stigmi (o stimmi) in questa fase ‘femminile’, che dura circa un giorno, sono aperti, umidi, turgidi e pienamente recettivi al polline.

Fase femminile: stigmi recettivi e aperti mentre le antere sono ancora sigillate

3. Fase maschile

Nel secondo giorno dall’apertura volge al termine la fase femminile: la scommessa della pianta è che l’impollinazione sia avvenuta. Le parti femminili si rattrappiscono e si richiudono mentre maturano le antere (le teche nelle quali è racchiuso il polline). Nel frattempo l’insetto è tenuto ancora in trappola ma Aristolochia non ha la minima idea di lasciarlo andare, per il momento: ha ancora un compito per lui.

Le antere si aprono, liberando il polline nella cavità utricolare: questo entra in contatto con l’insetto che se ne ricopre. A questo punto anche la fase maschile è compiuta e non resta che liberare l’ospite affinché porti il prezioso polline entro un altro fiore in fase femminile, impollinandolo.

Ginostegio in fase maschile: gli stimmi si sono richiusi e le antere hanno rilasciato il polline

Al fine di liberare l’insetto, il fiore attua una regressione dei tricomi che si piegano verso l’alto e avvizziscono, rendendo libera la strada all’ospite che può risalire dal canale per il quale era entrato.

4. Senescenza

Dopo due giorni dall’inizio dell’antesi il fiore inizia la sua fase di senescenza: i sepali iniziano a divenire flaccidi fino al disseccamento e alla separazione dalla pianta; l’ovario inizierà a rigonfiarsi e a maturare i semi conseguenti all’avvenuta impollinazione degli ovuli.

 

La storia finisce qua e spero che sia stata interessante da leggere! Ci vediamo la prossima settimana per un nuovo argomento, non mancate di scrivermi nei commenti 😉

Un abbraccio a tutto il #clangeorgici!

2 replies on “Aristolochia gigantea: un curioso rampicante sempreverde

  • CITTERIO Rinaldo

    Sempre molto interessanti le “storie” raccontate e le presentazioni di carattere botanico-fisiologico-paesaggistico.
    Si percepisce la grande competenza e professionalità di chi racconta, oltre all’indubbia simpatia.
    Tutte le volte è un piacere ascoltare su you tube: proseguite così !

    Rispondi
    • Sebastiano

      Rinaldo ti ringrazio davvero molto per questo gradito feedback, voglio sempre lasciare la mia promessa ad un continuo impegno per migliorare sempre di più.
      Davvero grazie!

      Rispondi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *