Sconto 10% sul primo ordine: iscriviti alla nostra newsletter ed entra nel #clangeorgici Iscriviti ora

Piante da esterno
Sommario

Buongiorno amiche e amici del #clangeorgici! La settimana scorsa vi ho presentato una bellissima perenne dai fiori blu e oggi vorrei proporvi un abbinamento con un altro piccolo cespuglio che colora i giardini e i balconi con le sue tinte lavanda, dalla primavera inoltrata fino all’autunno: Perovskia atriplicifolia o Salvia siberiana. Anche in questi giorni soleggiati di fine ottobre crea nel vivaio una macchia di colore dispersa nei gialli e nei rossi delle foglie che si preparano a cadere.

INDICE

  1. COME UTILIZZARE PEROVSKIA
  2. ETIMOLOGIA
  3. TASSONOMIA E HABITAT
  4. DESCRIZIONE
  5. CURA E COLTIVAZIONE
  • TEMPERATURA MINIMA
  • ESPOSIZIONE
  • INNAFFIATURA
  • CONCIMAZIONE
  • POTATURA
  • PROPAGAZIONE
  • PARASSITI
  • PET FRIENDLY

COME UTILIZZARE PEROVSKIA

Si chiama Perovskia atriplicifolia ma è chiamata comunemente Salvia siberiana. Vediamo subito i punti a suo favore:

  • Perovskia presenta una bellissima fioritura color blu-lavanda che dura dall’estate all’autunno (una delle più prolungate nei giardini)
  • La dimensione compatta che si presta all’utilizzo in aiuola come anche in vaso, fioriere e balconiere
  • La rusticità al freddo
  • La resistenza alla siccità
  • La sua versatilità e la facilità di coltivazione anche per i pollici meno verdi

Perovskia può essere abbinata a:

Perovskia può essere utilizzata in aiuola, come gruppo o esemplare isolato, oppure abbinata ad altre essenze come sopra elencate, in bordi misti erbacei. Può essere coltivata anche in vaso, all’esterno, in fioriera e in balconiera. La Salvia siberiana è inoltre molto usata nei giardini in stile prateria (prairie garden) e nello xeriscaping (un concetto di giardino che utilizza ridotte quantità di acqua, grazie alla selezione di piante resistenti alla siccità, cosiddette xerofile).

ETIMOLOGIA

Premetto che chiamare la Salvia siberiana con il nome scientifico di Perovskia atriplicifolia è attualmente poco corretto: dal 2017, Perovskia è divenuto un sottogenere di Salvia (genere molto ampio che comprende anche la comune Salvia aromatica). Conseguentemente il nome scientifico di questa essenza è divenuto Salvia yangii.

È giusto ricordare che Perovskia omaggia il generale e diplomatico dell’impero russo Vasily Alekseevich Perovski, vissuto nella prima metà dell’800 e attivo finanziatore del Pavlovsk Imperial Garden di San Pietroburgo.

Il nome della specie, atriplicifolia, riferisce invece alla somiglianza morfologica delle foglie rispetto a quelle dell’Atriplice.

TASSONOMIA e HABITAT

Il genere Perovskia appartiene alla famiglia delle Labiate o Lamiaceae (come la Menta, l’Ortica e il Caryopteris) e comprende 7 specie di suffrutici decidui spontanei nelle aree rocciose e assolate dell’Asia centrale fino alla catena himalayana.

Nota: la parola ‘suffrutice’ identifica una pianta perenne che ha una base legnosa permanente e una parte superiore della vegetazione di tipo erbaceo, la quale dissecca durante la stagione avversa e rivegeta annualmente.

Dal 2017 è un sottogenere di Salvia, ampio genere sempre riconducibile alla famiglia delle Lamiaceae.

DESCRIZIONE

Perovskia è un genere di piante perenni decidue suffruticose con foglie grigio-verdi. Sono coltivate per le loro infiorescenze organizzate in panicoli terminali mentre i fiori singoli sono piccoli (7-12 mm.), tubulari e bilabiati.

Le infiorescenze, lunghe circa 30 cm., sono portate alla sommità dei fusti, di colore grigio chiaro, insieme alle foglie ovate, leggermente dentate, spesso profondamente incise, lunghe 5 cm. circa, di colore grigio-verde. Compaiono dalla fine della primavera o inizio estate fino all’autunno inoltrato.

Sebbene tutte le parti della pianta siano aromatiche la Perovskia non è commestibile.

Le dimensioni possono variare leggermente a seconda della cultivar:

CURA E COLTIVAZIONE

Perovskia non è una pianta particolarmente esigente in termini di cure e questo aspetto gioca certamente a suo favore.

TEMPERATURA MINIMA

Perovskia o Salvia siberiana tollera temperature abbondantemente sotto lo 0°C, fino a -15°C. Durante il riposo vegetativo è utile prevedere uno strato di pacciamatura da distendere sulla superficie del terreno per riparare la pianta. Sotto i -10°C le parti erbacee della pianta si disseccano e vengono asportate con una potatura drastica da effettuare durante l’inverno.

ESPOSIZIONE

Perovskia predilige una posizione di pieno sole per fiorire e svilupparsi al meglio. Sebbene tolleri anche zone parzialmente soleggiate è preferibile collocarle in piena luce, ad esempio un balcone soleggiato o un’aiuola esposta a sud.

INNAFFIATURA

Perovskia è una pianta poco esigente in termini di bagnature. Il terreno va mantenuto leggermente umido dopo l’impianto in modo da favorire l’accrescimento dell’apparato radicale. Il mio consiglio è quello di bagnare a terreno quasi asciutto in primavera estate mentre durante la stagione fredda è possibile sospendere l’irrigazione. Le bagnature vanno ridotte anche in funzione dell’età della pianta: esemplari adulti sono meno esigenti.

CONCIMAZIONE

Io consiglio di intervenire con un concime a lenta cessione per cespugli da fiore a marzo, giugno e settembre. Alla fine dell’autunno si può somministrare un concime organico, del compost o del letame.

POTATURA

La potatura va fatta durante il riposo invernale, a pianta spoglia. Sebbene si possa intervenire già da novembre-dicembre il mio consiglio è quello di lasciare i fusti disseccati sulla pianta che mantengono comunque un certo valore ornamentale. A fine febbraio o inizio marzo, appena prima della stagione vegetativa, si taglia tutta la vegetazione disseccata fino a lasciare solo degli speroni corrispondenti alle basi legnose dei fusti. Questa potatura drastica è perfetta per promuovere la vegetazione la fioritura degli arbusti che fioriscono sui rami dell’anno, mantiene il cespuglio folto, ordinato e con una vegetazione sempre rinnovata e forte.

PROPAGAZIONE

La via più semplice per propagare Perovskia è tramite talea, a fine primavera o inizio estate.

PARASSITI

Non sono da segnalare particolari predisposizioni.

PET FRIENDLY

Perovskia è una pianta che non presenta tossicità per animali domestici quali cani, gatti e cavalli.

Mi auguro come sempre di avervi dato delle informazioni utili per aiutarvi a colorare i vostri spazi verdi, fatemi sapere nei commenti se ho mancato di fornire qualche informazione o chiarire un vostro dubbio. Se già avete coltivato Perovskia scrivetemi come vi siete trovati e quali cure avete adottato con successo. Vi aspetto la prossima settimana e vi auguro una buona giornata!

Condividi questo articolo

Articoli correlati