Guzmania: Conosciamola meglio!

Le varie tipologie di Guzmania appartengono alla grande famiglia delle Bromeliacee, originarie delle foreste pluviali dell’America Centrale e Meridionale.

Tutte producono infiorescenze tubolose, avvolte da brattee che prendono svariati colori, molto brillanti, e che negli ibridi durano davvero tanto, fino a sei mesi.
Le brattee circondano piccoli e gradevoli fiori, i quali però compaiono in inverno e non vivono a lungo.
Dopo la fioritura, le rosette muoiono e vengono sostituite da germogli, che spuntano sulla base della pianta.

Premessa è che tutte le Guzmania hanno la caratteristica rosetta, propria delle bromeliacee, formata da più foglie sovrapposte, al cui centro si crea una specie di “vaso”; contrariamente all’opinione comune, non sempre è necessario tenerlo pieno di acqua, anzi è una cosa molto rischiosa nei comuni appartamenti; se poi l’ambiente e anche freddo, la pianta può esserne gravemente danneggiata, fino a morirne.

La guzmania è una pianta dal portamento arcuato (foglie), a crescita moderata. Un poco difficile da curare, è comunque piuttosto resistente.
La maggior parte delle guzmania fiorisce una volta sola nei suoi 2-3 anni di vita; se si trapiantano i germogli basali, fioriranno la stagione successiva.

Ecco di seguito alcuni consigli per curarla al meglio!

 

La giusta temperatura

In inverno la Guzmania va mantenuta in un luogo in cui la temperatura minima non sia inferiore ai 15°C: ha bisogno di caldo e prospera anche se si raggiungono i 37°C.
In casa la temperatura ideale, ed anche realisticamente proponibile, è di 21°C.
Ventilare ogni tanto con aria fresca giova molto alla pianta.

 

La luminosità ideale

È necessario sistemare al riparo dai raggi diretti del sole, ma in posizione ben illuminata in inverno. Con luce diretta le brattee infatti perdono la loro bella coloritura.

 

Annaffiatura ed umidità

È bene utilizzare acqua priva di calcare, e lasciare asciugare il terriccio tra le bagnature.

Durante il periodo di crescita riempi d’acqua il “vaso” centrale, ma svuotalo quando la pianta è in fiore, poiché la base fiorale marcisce facilmente, compromettendo la salute generale della pianta.
Svuota comunque il pozzetto se la temperatura scende al di sotto dei 10°C.
Nei periodi caldi invece è importante mantenere un alto tasso di umidità, annaffiando giornalmente.

 

La concimazione

Per conservare la brillantezza delle brattee, senza incoraggiare però la crescita, fertilizza ogni tre annaffiature con un prodotto ad alto contenuto di potassio. La pianta va nutrita solo durante il periodo di sviluppo.

 

Il rinvaso

Rinvasa dopo la fioritura: nel caso l’esemplare abbia molti germogli, utilizza un vaso un po’ più grande, in terracotta, ed una composta ben drenata mescolando 1 parte di sabbia grossolana, 2 di terriccio di foglie e 1 di sfagno.

 

I parassiti e le malattie

La guzmania, come tutte le bromeliacee, soffre la presenza di limacce e chiocciole, che possono attaccare la pianta quando è rimasta bagnata per troppo tempo. I parassiti possono essere eliminati singolarmente, oppure con l’applicazione di esche avvelenate.

Le cocciniglie e la cocciniglia cotonosa possono colpire le foglie basali, mentre la cocciniglia delle radici può essere un problema per il terriccio.

Questa pianta può essere colpita anche da botrytis, che può sorgere in seguito ad una carenza di ventilazione unita ad un eccessivo tasso di umidità: in questo caso cura le piante con un fungicida e successivamente modifica i parametri di coltivazione.

 

Ti ricordo che il 21, 22 e 23 marzo ci potrai trovare a Montichiari (BS), alla 4° edizione della Fiera Vita in Campagna: ti aspettiamo nello stand A1 (padiglione 1) dove potrai ammirare un’esposizione di orchidee, tillandsie e bromelie, le immancabili rose da collezione (David Austin, Del Bard, Meilland, …), nonché il fiorito del periodo ed una scelta di prodotti per la cura del verde, soprattutto orientati al biologico.

A presto!

30 commenti per “Guzmania: Conosciamola meglio!

    • Le Georgiche

      Buongiorno Pasquale,
      dovresti avere delle piccole piantine che si sviluppano dalla base della pianta madre. Rimuovi le parti secche e lascia nel vaso le nuove piantine oppure dividile in signoli vasi, assicurati di porle in un buon terriccio, soffice e drenante. Per la cura segui le indicazioni dell’articolo qui sopra, vedrai che le piccole piantine si svilupperanno molto rapidamente

      Rispondi
    • Le Georgiche

      Buongiorno Nicoletta,
      le pratiche colturali da seguire sono le stesse, tieni controllato il volume delle sfere e quando si disidratano un po’ rimpicciolendosi occorre aggiungere altra acqua in modo che venga riassorbita. Le sfere in gel rilasciano gradatamente l’umidità alle radici della pianta svolgendo un ruolo simile a quello del terreno.
      Grazie e un saluto!

      Rispondi
  • antonella

    mi hanno regalato una guzmania, con un unico fiore arancione centrale, la pianta è sana ma non so come fare con il fiore che ormai è seccato. La pianta è nel suo vaso originale che non è molto grande, è meglio trapiantarla e quando?. Grazie per i consigli, Saluti!

    Rispondi
    • Le Georgiche

      Si può rinvasare la Guzmania dopo la fioritura, come descritto nell’articolo, se si ha a disposzione del terriccio per piante in vaso si può utilizzare quello. E’ possibile trapiantare a parte i germogli basali se presenti, in modo da formare una nuova pianta

      Rispondi
      • Le Georgiche

        Ciao Serena, in questi periodi con temperature che crescono abituati a dare acqua tutti i giorni, a meno che il terreno sia già molto umido.
        Se il fiore è presente bagna direttamente in terreno e vaporizza le foglie, se e quando il fiore non c’è puoi versare l’acqua direttamente nel mezzo della pianta
        Un caro saluto

        Rispondi
  • fabio duracci

    salve ho appena acquistato una Guzmania…molto bella con la rosetta dai colori violacei…non ho cambiato il vaso(secondo me comunque un po piccolo)ma ho messo la pianta in un portavaso e una volta innaffiata,l’acqua rimane nel portavaso….la devo svuotare…?puo’ danneggiare la pianta…?grazie Fabio

    Rispondi
  • Monica

    Mi hanno regalato una composizione di piante guzmania. Sono tutte assieme in un vaso enorme senza possibilità di fuoriuscita di acqua. Come devo regoilarmi per bagnare lu piante? Altro problema, vivo al mare e al mattino il balcone è sempre al sole. Come faccio? Grazie

    Rispondi
    • Le Georgiche

      Ciao Monica, se non hai possibilità di drenare l’acqua in eccesso cerca di bagnare con moderazione magari preferendo una vaporizzazione abbondante anche sul terreno. Attendi sempre che la terra sia asciutta prima di bagnare nuovamente.
      Per quanto riguarda l’esposizione: se non hai modo di proteggere la pianta dal sole diretto non pregiudichi la salute della pianta ma contempla il rischio che le brattee possano “sbiadire” per via di ciò. Se trovi una posizione luminosa ma non esposta direttamente al sole tanto meglio!

      Rispondi
  • Gaby

    Buongiorno . Mi hanno regalato una guzmania con fiore centrale violaceo a settembre… Ora il fiore centrale e diventato marrone e sta seccando. Devo staccare il fiore centrale ? Grazie

    Rispondi
    • Le Georgiche

      Ciao Gaby, grazie del contatto. Purtroppo le Guzmanie fanno una sola fioritura e poi lentamente (impiegano anche un anno) la pianta muore. Recidi il fiore secco più in basso possibile nella rosetta di foglie. Continua a tenere la pianta come descritto nell’articolo e attendi che dalla pianta principale (chiamiamola “pianta madre”) escano dei germogli laterali dal terreno circostante: queste sono le nuove piantine che con un po’ di attenzione e tempo ti potranno generare nuove piante che produrranno il fiore. E poi ricomincia il ciclo 😉
      Spero di esserti stato d’aiuto, in caso qualcosa non ti fosse chiaro scrivimi!

      Rispondi
    • Le Georgiche

      Buongiorno Ade, grazie del contatto.
      Bagna sempre con moderazione e attendi sempre che la terra sia asciutta prima di bagnare nuovamente. Allontana l’acqua in eccesso che può ristagnare nel sottovaso e se la stagione è secca vaporizza un po’ di acqua sulle foglie un paio di volte a settimana, evitando di bagnare il fiore se possibile.
      cordiali saluti

      Rispondi
  • Annamaria

    Buongiorno… ho una guzmania da circa un anno, fiore secco e tagliato, in ke periodo va travasata? E per le nuove nate …. dalla stessa pianta come farle crescere bene? Posso staccarle? Grazie

    Rispondi
    • Le Georgiche

      Buongiorno Annamaria
      consiglio di travasare dopo la fioritura ma non ci sono problemi se fatto in altro periodo come quello attuale.
      Per coltivare i figli puoi separarli quando iniziano a fare proprie radici, utilizza un forbice sterilizzato con alcol e recidi le giovani piante dalla pianta madre; poi trapianta in un terriccio per acidofile e segui le stesse cure adottate per la madre

      Rispondi
  • natale

    la mia Guzmania dopo la morte del fiore centrale sta generando uno strano arrotolamento nella parte basale delle foglie che lo circondavano. Mentre la parte bassa delle foglie, quella che si sta arrotolando, sta assumendo un colore violaceo la parte alta continua ad essere normalmente allungata e di un verde intenso. Ho provveduto a tagliare alla base il fusto centrale che stava seccando, operazione che ha messo in vista una apparente vitalità della pianta. La posizione della pianta e’ attualmente all’ esterno, a mezza luce, e provvedo a bagnarla nel sottovaso una volta alla settimana. Cosa devo ulteriormente fare e in cosa sto sbagliando. Grazie anticipatamente per la cortese risposta. Natale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *