6+1 piante pet-friendly, le migliori per i nostri amici a 4 zampe!

Siamo abituati a cercare l’hotel pronto ad accogliere i nostri amici animali, tanto che se cercate “pet-friendly” online i primi suggerimenti sono tutti sugli hotel o sulle mete turistiche.

Eppure, forse un po’ impegnati a sondare il territorio esterno dimentichiamo casa nostra, soprattutto quelle cose che ci piacciono tanto e che rendono speciali gli ambienti. Eh sì, avete capito. Stiamo alludendo proprio alle piante.
Ecco quindi un articolo studiato per voi che volete sapere quali sono le piante adatte ai cani, oppure le piante da appartamento non tossiche per il vostro gatto, chiariamo questo importante argomento!

Ma prima facciamo un passo indietro.

Siete di ritorno da una giornata di lavoro, una di quelle magari non particolarmente entusiasmanti.
Il freddo dicembrino ha scavalcato la giacca arrivando a raffreddare la pelle quel tanto che basta per dare una fastidiosa sensazione di umido.
Il livello dell’umore è in costante discesa, come la voglia di fare qualsiasi altra cosa che non sia sprofondare sotto alle coperte.

Entrate in casa, sospirate finalmente con un minimo di sollievo, ma proprio in quel momento sentite un rumore.

Cos’è?
La televisione lasciata accesa? No, non è possibile, avevate controllato prima di uscire.
La radio? Ma neanche.
I pochi secondi che impiegate per pensare ed è ormai troppo tardi.
Vi è già addosso.

Un balzo.
Una zampata.
Uno sguardo.

Tutto cambia.

E adesso non fate i superiori, l’abbiamo fatto tutti.

Addio a sospiri e sbuffi.
“Ma ciao! Chi c’è qui? Ci sei tu! Sì che ci sei tu!”
E subito si è per terra cercando di accarezzare il cane e al contempo schivare una leccata in faccia.
“Chi ha gli occhioni più belli del mondo? Tu, certo tu!”

E ok, vi risparmieremo il resto, tanto davvero, sappiamo che lo avete fatto. È inevitabile. Non si può resistere.
Avere un animale da compagnia, significa avere qualcosa in grado di cambiare la giornata in un attimo, di farci sentire amati, confortati e accettati.
Ovviamente tutto ciò viene corrisposto, ci prendiamo cura di loro, li portiamo con noi nelle nostre avventure e facciamo tutto ciò che possiamo affinché siano felici.

Compreso adattare le nostre case e giardini ai loro bisogni, tutto pet-friendly insomma.
Sappiamo che il Filodendro bellissimo che abbiamo visto e che avremmo tanto voluto gli fa male, soprattutto se abbiamo un gatto che gira per casa, quindi, anche se un po’ a malincuore, rinunciamo. Perché sì, le piante a volte possono essere fonte di pericolo per i nostri migliori amici.

Non c’è però nessun motivo per rinunciare alla gioia di avere una o più piante in casa, basta scegliere quelle giuste! Alcune addirittura, oltre a non fare male al vostro cane o gatto o coniglio o qualsiasi animale abbiate scelto, lo aiuteranno e miglioreranno la salubrità dell’aria che respirate.

 

6 PIANTE PET-FRIENDLY

Quindi iniziamo subito con le 5 piante belle per la nostra casa e soprattutto ideali per la salute animale e umana!

  1. Cyperus alternifolius

    La pianta di Cyperus alternifolius (Falso papiro) è una perenne paludosa originaria dell’Africa e molto diffusa in Madagascar.
    Produce fusti sottili alti fino a 80-100 centimetri che portano un ciuffo di foglie disposte a raggiera. È l’ideale anche per la crescita in interno, basta tenere a mente che per crescere necessita di molta acqua ma le radici non vanno lasciate costantemente immerse, inoltre l’ideale per mantenerle sane è fertilizzarle una volta al mese.
    Per quanto riguarda l’esposizione ama molto la luce, se ne avete la possibilità lasciatela pure in pieno sole, altrimenti cercate per lei la posizione più soleggiata e luminosa possibile. La sua temperatura ideale si aggira fra i 17° e 20°, ma per farla sopravvivere basta mantenere almeno 10°, anche se riesce a tollerare fino a 5°.
    Nota positiva è che questa pianta è particolarmente resistente alle malattie, anche se, talvolta, sono soggette ad attacchi di alcuni insetti.
    Ma adesso passiamo alla caratteristica che più ci può tornare utile!
    Il vostro gatto miagola perché ha fame ma siete rimasti a corto di croccantini? Non fatevi prendere dal panico e rimettete quel pesce in frigo. Permettete al gattino di masticare le foglie della Cyperus e l’appetito passerà! Questa pianta non farà alcun male al vostro amico, solo prestate attenzione a non fargli sgranocchiare troppe foglie o danneggerete l’aspetto della pianta. Una volta finito rimuovete le parti mangiate e aspettate che le nuove foglie ricrescano spontaneamente.

  2. Erba per gatti

    Questa sicuramente la conoscete! È un mix di graminacee di solito appartenenti al genere Lolium (Loietto), fitta e verdissima che offre un apporto vegetale fresco per i gatti che vivono con noi, al pari della Cyperus il vostro animale potrà mangiare le sue foglie che poi, una volta tagliate, ricresceranno in modo spontaneo.
    L’Erba per gatti ha innumerevoli proprietà benefiche in particolare antinfiammatorie, agisce come fonte di fibra naturale, contribuendo all’eliminazione dei boli di pelo ingerito.
    La crescita della pianta è abbastanza rapida e può raggiungere i 20-30 centimetri; quando i fili d’erba avranno una certa consistenza, saprete che sarà arrivato il momento di mettere il vaso “sulla tavola” del gatto.
    Ama i luoghi luminosi, ma non il sole diretto e necessita di molta acqua, è infatti necessario che il suo terreno non si asciughi mai, benché siano da evitare i ristagni nel sottovaso.
    Comunque prendersi cura di questa pianta è molto semplice, tanto che si riproduce velocemente ed è resistente ai più svariati climi.

  3. Erba gatta (nepeta cataria o in inglese catnip)

    Questo terzo punto non è un doppione state tranquilli. Normalmente quando si parla di “Erba Gatta” si includono tutte le tipologie di erba, in realtà queste si dividono in due grandi categorie: depurative ed euforizzanti.
    Mentre l’Erba per gatti di cui vi abbiamo parlato prima è una depurativa, questa Erba gatta è invece un’erba euforizzante.
    L’Erba Gatta è molto amata dai gatti e non contiene alcuna sostanza che possa danneggiare la loro salute o che crei una sorta di dipendenza, infatti se il gatto non ne sentirà il profumo non la cercherà ne desidererà!
    Perché piace tanto ai felini? Perché ha la capacità di migliorargli l’umore, di rilassarli ed accentua alcuni aspetti del loro carattere.
    Volete saperne di più sulla differenza fra queste due erbe? Nei prossimi mesi uscirà un articolo dedicato molto più dettagliato.
    Vi interessano altri argomenti? Scriveteci sui social e fatecelo sapere!
    La nepeta cataria è un’aromatica perenne al profumo di menta, pianta con la quale condivide la famiglia botanica (Lauraceae).
    Ricca di vitamine, può indurre il vomito, risolvendo il problema dei boli di pelo. Inoltre anche per le persone può essere utilizzata, ad esempio in cucina, utilizzando i germogli più teneri per le insalate e le foglie per insaporire la carne! Ciliegina sulla torta: se volete fuggire dallo stress e rilassarvi insieme al vostro gatto, potete farvi un ottimo infuso di nepeta cataria!

  4. Chlorophytum

    La Chlorophytum è una pianta d’appartamento particolarmente bella e decorativa. Presenta un fogliame disposto a rosetta, variegato di colore bianco-crema o bianco-verdastro. La foglia è lasciata arricciare e piegare. In estate produce fiorellini di colore giallo riuniti in infiorescenze portata da lunghi steli carnosi. Tende inoltre ad essere molto compatta nelle dimensioni. Predilige un ambiente molto luminoso ma non il sole diretto, le annaffiature devono essere abbondanti in primavera ed estate, ridotte in autunno-inverno. Per la concimazione vi suggeriamo una volta al mese di utilizzare un concime liquido per piante verdi.
    Ed ecco qua la vera chicca nascosta in questa pianta: alla fine degli anni ’80, la NASA effettuò una ricerca per comprendere quali fossero le piante maggiormente utili, al fine di rendere il più puro possibile l’ambiente interno alle stazioni spaziali. Secondo una lista compilata dall’ente spaziale americano, questa pianta risulta in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo e limitare l’inquinamento domestico. Filtra molti agenti inquinanti tra cui la formaldeide e altre sostanze che si trovano nei tappeti, nei prodotti per la pulizia e nell’inchiostro della stampante, il benzene, l’ossido di carbonio e lo xilene.
    Tutto ciò non solo la rende innocua per i nostri animali, ma estremamente positiva per l’ambiente in cui viviamo tutti i giorni!

  5. Beaucarnea recurvata (Nolina, Pianta Mangiafumo)

    Eccoci con un’altra pianta da appartamento. Chiamata anche “Pianta Mangiafumo” per la sua capacità di assorbire i gas nocivi senza subirne le conseguenze. Presenta un fusto a bottiglia, con un rigonfiamento nella parte basale per immagazzinare l’acqua (forma che la rende simile alla zampa di un elefante) ed un ciuffo di foglie lunghe e sottili spesso arricciate di colore verde intenso.
    Ama gli ambienti molto luminosi, va annaffiata quando la terra è ormai asciutta ed è meglio non far mai scendere la temperatura sotto i 10° per evitare danni alla pianta. La concimazione ottimale è rappresentata dal concime liquido per piante verdi somministrato una volta al mese.
    Ricordate la ricerca della Nasa di cui vi abbiamo parlato solo poco fa? Anche la Beaucarnea è rientrata fra le piante in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo e limitare l’inquinamento domestico.

  6. Calathea

    La Calathea è una pianta che abbiamo già avuto il piacere di conoscere, per chi ci segue anche su IGTV (o più in generale su Instagram) abbiamo preparato, qualche tempo fa, un bel video di presentazione, per chi invece ancora non ci segue sui canali social, cosa aspettate? Vi state perdendo tutti gli aggiornamenti dal vivaio! A parte gli scherzi (o quasi), la Calathea è una pianta di cui esistono circa 150 specie, ad esempio la Calathea crocata produce bellissime foglie molto decorative di colore verde scuro metallico con riflessi color porpora e macchie grigiastre. In estate produce fiori appariscenti di colore giallo-arancio. Invece la Calthea lancifolia sfoggia foglie lunghe fino a 45 centimetri con macchie verde scuro sulla pagina superiore e bordi increspati, mentre la parte inferiore è rossa e in estate si decora con piccoli fiori di colore giallo.
    Queste piante non amano la luce troppo intensa e il sole diretto, inoltre bisogna tenere il terreno umido, evitando ristagni idrici. La concimazione è meglio farla 2 volte al mese col concime liquido per piante verdi.
    E anche la magnifica Calathea si è classificata nella ricerca della Nasa! Queste piante sono davvero fantastiche!

Vi avevamo promesso 6 piante pet-friendly ma abbiamo un bonus!
Eh sì, si aggiudicano il punto 7. le piante aromatiche, queste piante non sono velenose per i cani e sono piante d’appartamento perfette per chi possiede gatti a cui piace rosicchiare qualche foglia, anche se è meglio prestare attenzione a quelle dal sapore più piccante o particolare che potrebbe infastidirli.

Arrivati alla fine dell’articolo godiamoci quindi la nostra casa, le belle, decorative e innocue piante per cani e gatti (e amici animali in generale), che si sono decisamente aggiudicati un giro extra di grattini!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *