Anemoni, facciamo sbocciare i fiori del vento

Acquista subito i tuoi anemoni preferiti!

Se il respiro dell’Autunno potesse prendere forma, probabilmente somiglierebbe ad un anemone.

Avrebbe il profumo di un vento piacevole e fresco, denso di colori.

I petali sottili e leggeri, saldamente ancorati alla corolla.

Fiori meravigliosi da ammirare subito, senza indugiare o si rischia di vederli volare via insieme al vento che li ha creati.

Insomma, gli anemoni sono fiori in grado di farci accarezzare l’Autunno, di farci percepire la forma del vento. Il loro nome infatti deriva proprio da lui, ma questo lo vedremo in seguito.

Adesso rilassatevi, stiamo per partire alla conoscenza del “fiore del vento”.

 

GLI ANEMONI

Gli anemoni sono delle piante erbacee perenni, comprendono circa 120 specie e sono suddivisi in tantissime varietà. Fanno parte della famiglia delle Ranunculaceae e sono diffuse principalmente nell’emisfero settentrionale ma anche in quello meridionale del pianeta.

Presentano apparati radicali variabili a seconda della specie: tuberosi o rizomatosi, carnosi o fibrosi.

Gli anemoni si dividono in tre grandi gruppi:

  1. Specie a fioritura primaverile, tuberose o rizomatose, diffuse in aree boschive o pastorali alpine.
  2. Specie tuberose, spontanee nelle aree del mediterraneo e dell’Asia centrale, con fioriture in primavera o inizio estate; necessitano di climi caratterizzati da estati calde e asciutte.
  3. Specie erbacee di maggiori dimensioni, con fioriture che raggiungono altezze comprese tra i 60 e i 150 cm.; presentano radici fibrose e sono spontanee nelle aree umide di boschi e praterie; la loro fioritura è concentrata dalla tarda estate a tutto l’autunno.

 

In questo articolo ci concentreremo sul terzo gruppo che comprende tra le altre le specie:

 

I FIORI E LE FOGLIE DEGLI ANEMONI

Sono entrambe specie perenni che presentano vegetazione eretta e tendenzialmente lignificata alla base degli steli, che si slanciano verso l’alto arrivando tra i 50 e i 100 cm per A. hupehensis (la varietà A. hupehensis Japonica è leggermente più prominente e raggiunge i 120 cm.) mentre A. x hybrida arriva tra i 120 e i 150 cm.

Le foglie sono normalmente ovali o arrotondate, trilobate, verde scuro, lunghe circa 10-20 cm sulla base degli steli; all’apice degli stessi o sui fusti più giovani sono più piccole e spesso dai margini dentellati.

Gli anemoni hupehensis e gli anemoni x hybrida hanno tinte più pacate rispetto ad altre varietà di Anemoni, come il bianco e il rosa intenso, ma non temete, con le loro forme leggere e spensierate sanno ugualmente attirare lo sguardo! Le dimensioni possono variare a seconda della specie, così come il numero di petali attorno alla corolla.

 

COLTIVARE GLI ANEMONI

Questi meravigliosi fiori sono considerabili rustici, quindi non hanno necessità di grandi cure. Nonostante la loro apparente fragilità sanno adattarsi piuttosto bene all’ambiente circostante.

Andiamo però a vedere come farli sentire davvero a casa!

 

MESSA A DIMORA

Questi anemoni sono reperibili in vaso nel nostro vivaio online e possono essere messi a dimora in qualsiasi periodo dell’anno, anche se tenere a mente qualche consiglio potrebbe assicurarvi una fioritura coi fiocchi! Per sapere quali sono i trucchi de le Georgiche, vi consigliamo di leggere questo articolo e guardare il video dove vedrete, passo per passo, come eseguire piantumazione.

 

TERRENO

Gli anemoni si trovano a loro agio in terreni ricchi di sostanze nutritive, preferibilmente umidi.

 

ESPOSIZIONE

Si adattano un pochino a tutte le condizioni, ma l’ideale è in zone soleggiate o di mezzombra.

 

TEMPERATURA

Sopportano senza problemi temperature invernali di -20°C. più che il freddo possono risentire di inverni troppo umidi.

 

INNAFFIATURA

Buona irrigazione soprattutto durante le stagioni di vegetazione dalla primavera all’autunno. È estremamente importante evitare i ristagni idrici. In inverno invece le bagnature possono essere sospese, a meno che non si stiano affrontando periodi di siccità.

 

CONCIMAZIONE

Per aiutare i nostri anemoni a crescere in forze è utile utilizzare un concime minerale per piante fiorite.

 

MOLTIPLICAZIONE

Il modo migliore per propagare questi anemoni è per divisione dei cespi e l’operazione può essere fatta durante la stagione di riposo vegetativo.

 

IN VASO

Coltivare in vaso gli anemoni è perfettamente possibile, bisogna solo prestare attenzione alle dimensioni del vaso. Infatti, questo non dev’essere piccolo ma in proporzione piuttosto grande, sia in larghezza sia in profondità, in modo da permettere agli anemoni di sviluppare adeguatamente l’apparato radicale.

È essenziale posizionare sul fondo del vaso del materiale drenante, dopodiché il terreno che si inserisce deve rispettare quello ideale anche in piena terra: preferibilmente subacido, ricco di sostanze nutritive (quindi si può ricorrere a dei concimi) e ben drenante.

 

MALATTIE

È una pianta molto rustica che difficilmente viene attaccata, può però succedere. Normalmente i nemici degli anemoni sono i fillominatori e, più in generale, gli insetti fitofagi. In caso vi accorgeste di un’infestazione basta ricorrere ad insetticidi comuni o bio.

 

VELENO

Gli anemoni sono leggermente velenosi (a causa della protoanemonina), in particolare potrebbero irritare le mucose di umani e animali. Quindi se avete in casa bambini piccoli o amici a 4 zampe che a volte fanno delle vostre piante uno spuntino, allora è meglio non prendere queste piante o almeno tenerle lontane della loro portata.

 

SIMBOLOGIA

Il nome Anemone deriva dal geco “ànemos”, cioè “vento”.

Gli anemoni sono il simbolo dell’effimero, di qualcosa di meraviglioso ma sfuggevole. Le radici di questo mito derivano dalla Metamorfosi di Ovidio che parlò dell’anemone collegato al mito di Adone.

“Detto questo, Venere

cosparse il sangue di nettare odoroso e questo, al contatto,

cominciò a fermentare, così come nel biondo fango si formano bolle trasparenti,

né un’ora intera era passata, quando dal sangue spuntò un fiore dello stesso colore,

come quello che sono soliti produrre i fiori del melagrano, che celano

tanti granelli sotto la buccia sottile; tuttavia, quello dura poco;

infatti, fissato male e fragile per l’eccessiva leggerezza,

i venti stessi, che gli danno il nome, lo disperdono”.

 

 

Gli anemoni sono fiori dalla figura delicata e solo vederli dà la sensazione di stare assistendo ad uno spettacolo esclusivo, in continuo movimento, pronto a prendere la prossima folata di vento per spostarsi verso una città lontana.

Se volete ospitare il loro show nelle vostre case da noi trovate una vastissima varietà di anemoni prontissimi ad esibirsi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *