Sconto 10% sul primo ordine: iscriviti alla nostra newsletter ed entra nel #clangeorgici Iscriviti ora

Cura delle piante

La felce di Boston (Nephrolepis exaltata) è una specie di felce popolare che cresce in molte aree tropicali del mondo. È considerata una pianta d’appartamento, soprattutto grazie alla quantità di luce moderata che richiede.

Il suo aspetto un po’ arruffato e la sua buona adattabilità la rendono un piccolo gioiello, anche per stanze inusuali come il bagno!
Perché proprio il bagno? Per scoprirlo continua a leggere 😉

Cura della felce di Boston

Le felci di Boston possono essere facilmente coltivate all’interno purché venga prestata la cura adeguata per dare loro le giuste condizioni. È importante mantenere condizioni di crescita stabili poiché qualsiasi elemento della loro cura può danneggiare rapidamente la pianta.

Prima di immergerci nei dettagli è giusto dare una piccola avvertenza: sono piante abbastanza sensibili alle sostanze chimiche, al fumo e non amano assolutamente le correnti d’aria, insomma, cose utili per decidere che posizione scegliere.

Dove posizionare la Nephrolepis

Le felci di Boston si trovano a loro agio con una luce intensa e indiretta. Troppa ombra può provocare fronde rade e senza il loro caratteristico colore brillante, al contempo troppo sole può bruciare le foglie.

Per poter prosperare al meglio la pianta ha bisogno di circa 2 ore di luce brillante e indiretta. Durante l’autunno/inverno la pianta può invece tollerare anche la luce diretta.

Temperatura

Le Nephrolepis preferiscono temperature miti, comprese fra i 18 e i 23°C.

Per il resto non tollerano né il caldo estremo né le gelate. Temperature superiori a 35°C o inferiori a 12°C possono causare ingenti danni.

Non amano le temperature estreme, questo include le correnti d’aria, i condizionatori e le prese d’aria per il riscaldamento.

Bagnature

Per coltivare con successo le felci di Boston, è fondamentale mantenere il terreno leggermente umido (ma non fradicio) in ogni momento. Se il terreno inizia ad asciugarsi, il fogliame della felce può seccarsi rapidamente fino a poi cadere.

Durante i mesi autunnali e invernali, ridurre leggermente l’irrigazione, poiché la pianta non cresce attivamente.

Umidità

L’umidità è essenziale per questa pianta, ecco perché è una perfetta pianta …da bagno!

Infatti circondata dal vapore prodotto dalla doccia si sentirà sicuramente a suo agio. L’umidità elevata è fondamentale per le felci di Boston. Prosperano a livelli di umidità intorno al 50-60%.

Substrato

Queste felci amano il terreno argilloso e ricco di sostanze organiche con un buon drenaggio. Un terreno scarsamente drenato può causare marciume radicale arrivando infine ad uccidere la pianta.

Si consigliano One plus, One o Florenpot.

Concimazione

Dalla primavera all’inizio dell’autunno è consigliabile dare alla Nephrolepis del fertilizzante liquido per piante verdi, seguendo le dosi da etichetta.

Propagazione

È possibile propagare questa felce per divisione durante il rinvaso o mediante talea.

Alcuni si dilettano nella riproduzione tramite spore ma oltre ad essere un processo piuttosto complicato potrebbe anche essere infruttuoso in quanto molte di queste felci non sono specie pure e quindi non producono spore vitali.

Rinvaso

Il rinvaso, come vi abbiamo spiegato in questo articolo, va fatto quando sulla zolla di terra le radici cominciano ad essere belle fitte, a patto però che siate pronti a vederla crescere ulteriormente!

Consigliamo di prestare particolare attenzione per mantenere la felce allo stesso livello del terreno nel quale si trovava prima, è importantissimo non seppellire la corona in quanto questo potrebbe portare al temibile marciume del colletto.

Il periodo migliore per eseguire questa operazione è la primavera.

Potatura

Sebbene la potatura non sia fondamentale, è consigliata la rimozione delle foglie ormai secche per preservare il valore estetico della pianta.

Parassiti

Un nemico della felce di Boston è sicuramente l’acaro, fortuna che in questo articolo vi abbiamo spiegato come comportarvi se lo avvistate 😉 è bene però ricordare che una pianta ben umida correrà meno rischi.

Problematiche ricorrenti

Macchie marrone scuro sul lato inferiore delle foglie

Questo fenomeno è perfettamente normale, la pianta è sanissima 😉

Foglie marroni

Nella maggior parte dei casi le foglie marroni sono causate dall’aria secca o dal fatto che il terreno rimanga asciutto troppo tempo fra una bagnatura e l’altra. Oppure, giusto per complicare un po’ la diagnosi, potrebbe anche essere sintomo di un eccesso d’acqua.

Caduta delle foglie

Che la pianta possa perdere qualche foglia è normale ma se la caduta diventa ingente è probabile che il problema sia da ricercare in una scarsa irrigazione.

Foglie gialle

Le foglie gialle possono essere un sintomo di svariate problematiche, fra le più probabili troviamo l’uso di acqua eccessivamente fredda per le bagnature e l’esposizione a correnti d’aria.

Descrizione della Nephrolepis

La felce di Boston ha graziose fronte blu-verdi e cadenti, tagliate naturalmente in modo tale da conferirle un effetto arruffato, davvero bello soprattutto quando si decidere di posizionare questa pianta su una mensola o comunque in una posizione sopraelevata che le consente di far penzolare le foglie.

Possiede una crescita rapida e regolare per gran parte dell’anno quando le condizioni sono favorevoli. La crescita rallenta durante i mesi più freschi.

Raggiunge massimo un’altezza di circa 90cm.

Far fiorire la Nephrolepis è impossibile però potrebbe sviluppare delle macchie marroni sulla parte inferiore delle fronde, in questo caso non si tratta di una malattia o di un fungo, bensì delle spore!

Descrizione tassonomica

Nephrolepis è un genere di circa 20 specie di sempreverdi o semi-sempreverdi, epifite e terrestri.

Habitat

Sono originarie delle zone tropicali e subtropicali di molte parti del mondo.

La felce di Boston è pet friendly

Ottime notizie per i proprietari di animali: la Nephrolepis è pet friendly!

Cenni storici

I vittoriani erano particolarmente appassionati di specie come la N. cordifolia, questo grazie alle sue fronde rigide e maggiormente ordinate. Oggi però le cose sono cambiate e l’aspetto più moderno di una bella felce di Boston viene sicuramente molto più apprezzato!

Condividi questo articolo

Articoli correlati